GerrardRivett

Noi siamo choosy!

23 posts in this topic

Un saluto a tutti.

Da tempo leggo quotidianamente fixedforum e da un po' ho iniziato a cercare blog provenienti da tutti i paesi anglofoni e francofoni. Ora, dopo una lettura approfondita di molti di questi, vorrei proporvi le mie impressioni riguardo ad alcune differenze che non ho potuto fare a meno di cogliere.

La prima, che accomuna un po' tutti i forum italiani, che siano di fixed, bici in genere, auto, moto, etc, e che li distingue fortemente dai cugini stranieri è sicuramente il numero ed il tono delle critiche fatte ai prodotti. In inghilterra, negli stati uniti, in australia, francia, canada, insomma ovunque, si usano parole entusiastiche per prodotti che da noi definiremmo nella media, magnanimità nelle critiche ai prodotti scadenti ed esaltazione assoluta dei prodotti di alta fascia. Nei nostri forum invece i prodotti di media fascia vengono massacrati, in quelli di alto pregio cerchiamo solo i difetti, e quelli di fascia bassa non esistono nemmeno!

Altra cosa che ho notato è come, soprattutto nei paesi anglofoni, i produttori italiani siano tenuti in altissima considerazione, nella fattispecie delle bici, qualsiasi prodotto bianchi, piuttosto che cinelli, viene esaltato come fosse un oggetto d'arte, e non lesinano compimenti e sviolinate sul made in italy etc etc. Su questo forum bianchi e Cinelli sono "cinesate". Anche in questo caso i forum di auto e moto ad esempio sono sulla stessa lunghezza d'onda (in italia il motore della bmw 650 prodotto dalla loncin è una cinesata, all'estero parlano di un motore formidabile).

Mi chiedo quindi, se le nostre critiche sono legate ad un background di passione per le biciclette (e per i motori visti gli altri esempi) e che quindi le competenze medie siano più alte rispetto a quanto accade all'estero? o magari sarà che per noi l'estetica è data per scontata e quindi pretendiamo più qualità? o forse non sono informati come noi?

oppure siamo solo choosy?

Edited by GerrardRivett (see edit history)
2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

ti rispondo con un esempio un anglofono quando va a mangiare in qualsiasi ristorante italiano anche il più scrauso dice che ha mangiato benissimo, se ci vai tu dici che è una merda. dipende tutto da cosa sei abituato a mangiare

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma questo non vale per i francesi che sono anche così sciovinisti....

E comunque col cibo è troppo facile :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma come per il cibo lo è anche tutto il resto. c'è questa convinzione che il made in italy sia un eccellenza in qualsiasi campo

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

...e intanto navighiamo a vista nella cacca. Santa pazienza, sono italiano e non mi capisco :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao, non voglio entrare nel merito del bello o del brutto, fascia alta o fascia bassa. Ma dopo un abbastanza recente, viaggio in California e nella fattispecie in un paesino un pò interno (San Louis Obispo), ho conosciuto un meccanico di origine sudamericana che addirittura ha comprato un capannone per fare una specie di museo di bici italiane.

De rosa, Cinelli, Masi, Olmo,ecc. E' un fan di Campagnolo ma di altre marche non ne vuol sapere.

Siamo diventati amici e mi ha regalato maglia e pantaloni con la pubblicità del suo negozio.

Buone pedalate a tutti.

M

Share this post


Link to post
Share on other sites

Penso che l esempio gastronomico sia il più azzeccato!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me tutto è dovuto alla situazione in cui ti trovi... Se tutto il giorno ai sottomano certe cose, è ovvio che queste "perderanno" valore... Se poi vai negli states o in oriente (dove il Made in Italy tira parecchio te lo assicuro!) basta che qualcosa abbia un nome vagamente italiano perchè sia ritenuto un capolavoro... Di fatto l'Italia è un paese che vive nel proprio glorioso passato, ma che davanti ha un ben misero futuro...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sul made in italy siamo tutti d'accordo nel dire che noi ci siamo abituati e che agli altri sembra invece un lusso...

Ma cercate pure una qualsiasi discussione su un prodotto proveniente da qualsiasi parte del mondo... non sono feroci nelle critiche come noi. E non ditemi che non è vero...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sicuramente teniamo il mugugno pronto, spacchiamo il capello in quattro e molto spesso critichiamo all'infinito per ottenere ragione.

Siamo affascinati dallo Stile, l'estetica per noi, di lingua italiana, viene prima di ogni cosa.

Le mode imperversano, a differenza degli altri paesi che ci circondano, dove l'essenza è la pratica e la comodità.

Però non siamo choosy!

Ho sempre pensato a quanto fosse diversa la gallery di fixed gear gallery dalla 'nostra'; innanzitutto nella prima non si commenta, si guarda e basta; si possono trovare indistintamente bici da 'non imitare', con le (comodissime) selle Brooks, che qui da noi 'valorizzano' solo le bici finto-pista-'sartoriali', con bici da 'pro' o fisse provenienti dalle aste folli della Baia.

Nella nostra Galleria (tolti i furbetti e noiosi utenti piazzisti), noto che si trovano con più frequenza, biciclette frutto di sintesi di ciò che si elabora insieme nelle discussioni.

A me questo aspetto fa mooolto piacere.

Chi, fra quelli/e che postano i loro progetti, si offende per i commenti è perduto e lascia ogni possibilità di ottenere una bici personalizzata.

Certo, abbiamo avuto la fase dei telai fluo (io, mio malgrado l'ho ancora;-)), la fase con il paracolpi nel tubo orizzontale, la fase dell'aerospoke, la fase del Vigo, ecc...

La nostra sintesi qual'è, allora? Abbiamo raggiunto la bici definitiva? La nostra Galleria è utile?

Secondo me, si.;-)

Però non siamo choosy!

2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

io non riesco a capire perchè sto vendendo a prezzi alti, pezzi campagnolo vintage a gente in australia o svezia, su ebay, mentre qui sul mercatino non se li cagava nessuno

questo perchè? siamo viziati noi, ad avere il vigo, il 12 special, tutto il gruppo gipiemme pista per andar per baretti, o sono folli loro, a volere oggetti d'arte, che vanno fuori dalla loro mera funzione?

Edited by FedericoZ (see edit history)
2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

io non riesco a capire perchè sto vendendo a prezzi alti, pezzi campagnolo vintage a gente in australia o svezia, su ebay, mentre qui sul mercatino non se li cagava nessuno

questo perchè? siamo viziati noi, ad avere il vigo, il 12 special, tutto il gruppo gipiemme pista per andar per baretti, o sono folli loro, a volere oggetti d'arte, che vanno fuori dalla loro mera funzione?

Molto più banalmente la vedrei così:

adesso c'è il vintage che tira e chi ha i soldi se lo compra. Gli italiani hanno i soldi? non credo proprio.

Oggettivamente sono oggetti molto affascinanti ma lì a decidere è il mercato ed evidentemente l'italiano ha un costo/beneficio minore rispetto allo svedese nell'avere il gruppo gipiemme per andar a baretti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

però bisogna riconoscere che hanno più autoironia di noi. Mi sembra che questo aspetto manchi proprio, ci si prende un po troppo sul serio.

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

non state a considera' che noi abbiamo le mestruazioni 365 giorni all'anno.

FIXEDMESTRUO.it

4 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

non so se puo calzare ma tre anni fa ero a NYC per lavoro, entro in un bar in una parallela di bedford ave. a williamsburg per prendere una birra e vedo che hanno la moretti alla spina, naturalmente non era un bar scalcagnato ma un bar che voleva darsi un tono con tanto di ristorante annesso. Ero un pochino scoglionato qual giorno e allora non mi sono fatto troppi problemi a far sapere al gestore che in italia la moretti era considerata una merda, un poco come se loro avessero una spina di PBS.

Il tipo non ha fatto una piega, ha detto "ah si?" ed ha aggiunto che la ha presa perche e' famosa in italia e la tiene perche alla gente piace.

Io devo dire che, a parte tutto, credo di essere fortemente esterofilo o comunque molto snob per quel che riguarda il made in italy. Sono cresciuto col mito degli USA e, pur non volendo entrare nel merito di una discussione USA-buoni/USA-cattivi, ancora oggi sono piu attratto dai prodotti USA che da quelli italiani. Per fare un esempio se dovessi scegliere fra un MASH e un Kagero (praticamente identici al mio occhio), pur venendomi a costare qualcosa di più il Kagero, sceglierei quest'ultimo. La mia signature ha qualcosa a che fare con la mia posizione ma credo di aver reso l'idea.

Edited by Visconte Cobram (see edit history)
2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.