alfredoc

un lavoro che farei

22 posts in this topic

quanta puzza di komunismo! e una vergogna! ma non ci pensi hai bravi imprenditori del settore?? a riciclare le biciclette per una qualche tua stupida etica tu toglierebbi il pane di bocca ai figli di tanti lavoratori! e per colpa tua se li talia e in crisi! vergogna! se e rotto non si aggiusta, si butta! se TU non ti puoi permettere una biciclettina nuova allora non devi mettere i bastoni tra le ruote di chi ci campa onestamente!!!

In Fede,

il commentatore medio di blog / siti di news / profili facebus per il sociale

  • Like 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

...veramente a me non me ne frega un Kazzo se poi si comprano le bici, a me piacerebbe mettermi li davanti ad una vecchia bici e ridarle vita

Lo so che è una visione romantica, e in parte antieconomica, ma se prorio negli Usa nascono queste "realtà" forse qualcosa sta LENAMENTE cambiando.

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

...veramente a me non me ne frega un Kazzo se poi si comprano le bici, a me piacerebbe mettermi li davanti ad una vecchia bici e ridarle vita

Lo so che è una visione romantica, e in parte antieconomica, ma se prorio negli Usa nascono queste "realtà" forse qualcosa sta LENAMENTE cambiando.

anche a me piace riportare in uso vecchie bici... se sono dei ruderi irrecuperabili allora no... pero' se sono decenti... perche' no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

video (via Milano Fixed) interessante,

devo ammettere che non mi dispiacerebbe crearlo qui in Italia

c'è un sacco di gente che lo fa e poi vende le bici su ebay_annunci, ed è un po quello che fanno le ciclofficine...

certo mettere su un negozio richiede un impegno molto più costante e diversi sbattimenti in più, però sarebbe una bella idea, magari affiancandoci una caffetteria.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

...veramente a me non me ne frega un Kazzo se poi si comprano le bici, a me piacerebbe mettermi li davanti ad una vecchia bici e ridarle vita

Lo so che è una visione romantica, e in parte antieconomica, ma se prorio negli Usa nascono queste "realtà" forse qualcosa sta LENAMENTE cambiando.

di mio lo sto già facendo, per pura passione s'intende

tuttavia in 5 o 6 bici che ho rimesso a posto ho accumulato una bella esperienza e molta soddisfazione (si, avete ragione, mi accontento di poco).

il mio sogno (da bravo bambino 36enne) sarebbe proprio quello di avere un piccolo B&B bikerfriendly con caffetteria e

officinetta riparo&restauro; ma per ora, siccome tengo famiglia, continuo a fare il mio lavoro da stronzi.

credo anche io che i paradigmi sociali ed economici stiano cambiando, e sta accadendo anche piuttosto in fretta;

tutto il mercato delle riparazioni, verticalmente precipitato in vent'anni di annichilimento sociale, sta riprendendo piede,

lo si nota in un sottobosco di lavoretti in nero che periti industriali, elettricisti e arrangiatori sessantenni in pensione

fanno con grande successo nelle città e nelle provincie. Il grande consumo è finito, chi ha un minimo di attenzione se ne è già accorto da un pezzo ... e non è questione di comunismo o puttanate varie. Per fortuna questo significherà riappropriarsi

di pezzi di vita che abbiamo dimenticato, troppo impegnati a guadagnare abbastanza per pagare qualcuno che faccia per noi cose che avremmo potuto fare da soli, ma per le quali non avevamo il tempo visto l'impegno di cui poco sopra.

sarò uno scemo visionario, ma a ste cose ci credo ogni giorno di più

credo anche che solo una scelta di "povertà" possa salvare i nostri culi e il mondo intero

amen

  • Like 9

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi dispiace smontare i vostri sogni ma ESISTE GIà ... la stazione delle biciclette una volta all'anno con i pezzi di scarto di tutta una stagione costruisce bici (o almeno lo faceva) poi c'è qualcuno che ha fatto di ciò anche il suo lavoro www.recicli.com

Share this post


Link to post
Share on other sites

merda, ora mi sento un fallito !

scherzo

semplicemente non credo si tratti di inventare qualcosa di nuovo, o di essere spettacolarmente unici,

penso invece che si possa contribuire alla diffusione di una nuova cultura del riutilizzo,

e se qualcuno riesce a camparci onestamente buon per lui !

Share this post


Link to post
Share on other sites

merda, ora mi sento un fallito !

scherzo

semplicemente non credo si tratti di inventare qualcosa di nuovo, o di essere spettacolarmente unici,

penso invece che si possa contribuire alla diffusione di una nuova cultura del riutilizzo,

e se qualcuno riesce a camparci onestamente buon per lui !

io sono per il riutilizzo ma campare solo di cìò deve essere dura ma mai dire mai.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ebbene si,sono anch'io uno di voi da 3 anni a sta parte.

La cosa che mi piace di più è l'abbinare componenti datati a quelli un pò piu recenti.Ho anche creato un profilo su facebook che col tempo vi rivelerò.

Stay tuned!

Share this post


Link to post
Share on other sites

video (via Milano Fixed) interessante,

devo ammettere che non mi dispiacerebbe crearlo qui in Italia

A parte che il tizio non ha inventato nulla di nuovo. Esistono da anni le ciclofficine in tutta italia che lo fanno senza scopo di lucro. Se lui lo fa come lavoro, figurarsi...va benissimo, anche a me piace l'idea ed è pur sempre un lavoro onesto. Tuttavia un "ma" non me lo posso proprio evitare: Ma come cazzo fa a rivendere una bici restaurata a 325 euro?!?!? (vedi a 1:42) Dico...si tratta pur sempre di una bici da passeggio...a quel prezzo ne trovo a vagonate di nuove, ovvio che sono di qualita' media e vengono da produzione in larga scala, ma quelle che rimette in strada lui non mi sembrano certo delle pinarello....dai cribbio!!! Non c'è proprio mercato. Si, si....il riciclo, l'importanza di non sprecare i materiali, ma una cosa del genere la lascio ai radical-chic delle botteghe equosolidali.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

essere radical chic non centra niente con fare acquisti in negozi equosolidali che hanno uno scopo e un motivo di esistere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.