Righe

Aria di crisi, fixedforum cosa risponde?

9 posts in this topic

Ciao,

lavoro alla Fnac (per i molti che non la conoscono è una catena francese di libri, dischi, tecnologia) di Firenze da più di due anni, l'anno prossimo a causa del taglio di investimenti verso l'Italia della casa madre francese tutti gli 8 negozi italiano rischiano la chiusura. Questo significherebbe la perdita di lavoro per me e altre 600 (seicento) persone.

Sono curioso, quanti di voi si sono trovati o si trovano in situazioni simili?

Edited by Righe (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi dispiace, erano almeno un paio d'anni che si parlava di cessione ma non credo abbiano trovato acquirenti..

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti sapevo del programma di chiusura da parte della casa francese.

Quindi una volta saputo questo, ho pensato a chi come te lavora in questa 'catena' e sono molto dispiaciuto per questa situazione ma anche per tutte quelle situazioni che ogni giorni si vengono a sapere. Chiusura un pò ovunque, il problema di oggi è che la crisi è talmente attecchita che non è

come una volta che uno se perdeva il lavoro aveva altre possibilità.

Con questo, non voglio dire che non ci sono altre possibilità, però è sempre più difficile, riciclarsi ed avviare una nuova esperienza di lavoro.

Poi, adesso che le ristrutturazione fatte chissà da quale ben pensante, riguardano tagli e tagli e non c'è più la volontà di investire e creare ... insomma è sempre più dura.

Se poi chi ci governa (discorso ampio e rivolto a tutte le colorazioni sia chiaro) non vede l'interesse del popolo ma chi governa ed anche chi dovrebbe essere all'opposizione, si siede su quella maledetta poltrona per coltivare e portare avanti i propri interessi, bè diventa tutto più difficile.

Detto questo, spero che ci sia presto un'inversione di tendenza e si torni tutti ad essere

più ottimisti, perché ripartano quanto prima gli investimenti atti a creare occupazione perchè così si rischia di toccare il fondo.

Speriamo in una ventata di novità anche e sopratutto nella classe politica e chi gioco forza dovrebbe prendere le decisioni. Ma qui piuttosto che di ventata, sarebbe più corretto attendersi una bella 'tormenta', perchè per sradicare alcuni (se non tutti) dalle loro ambite poltrone del potere bè mi sà che è difficile, comunque sia io lo spero.

E questi signori (tutti i colori sia chiaro) che abbiamo avuto fino ad ora, certo non hanno fatto niente per ostacolare tutta questa crisi che c'è ed è tangibile, mentre avrebbe avuto bisogno di persone competenti, capaci, formate e pronte ad adottare misure in grado di far stare bene il popolo.

In bocca al lupo a te ed i tuoi colleghi, tutti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

anche un nostro augustino (thehardlaw) lavora alla fnac, a torino però. è nella tua stessa condizione..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dispiace Righe, davvero.

In Italia ormai è veramente difficile fare impresa, io ho una piccola palestra e tanto per fare un esempio quest'anno sono passato dai 1500€ di ICI dell'anno scorso ai quasi 6.000€ di IMU di quest'anno.

Inutile dire che quando la pressione fiscale è così alta diventa difficile avere un surplus da reinvestire nell'azienda.

Inutile dire che per un'attività come la mia essere sempre aggiornati in quanto a macchine e corsi è fondamentale per rimanere competitivi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh calcola che io ho alle spalle ben 4 anni di cassa integrazione....

il futuro è peggio!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sono in cassa due gg a settimana da inizio estate. Nonostante la ricapitalizzazione lo scenario a mio avviso è veramente preoccupante. Le ore a casa le uso anche x cercarmi un altro posto di lavoro prima che sia troppo tardi...ebbene si, ho scelto di fare come Schettino! Viste le prospettive che ci offre il mercato del lavoro meglio non stare con le mani in mano e attendere che l'azienda chiuda...non credi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie ad Alan, Tiziano e a tutti gli altri, ma non preoccupatevi, me la so cavare ;)

Mi piacerebbe sentire qualche esperienza affine, sapere cosa avete fatto, com'è andata a finire.

P.S. Sì, quella dei Gigli.

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.