ragazzocampagnolo

come smonto st'aggeggio?

19 posts in this topic

ho fra le mani questo mozzo campagnolo triomphe con rocchetto regina extra bx 6v. devo fare la ruota quindi devo smontarlo ma non so cosa fare, prima di romperlo preferirei chiedervi come smontarlo, grazie ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

comunque hai bisogno dell'apposito estrattore, ma non avendola andrai dal ciclista. Per come è messo adesso il mozzo credo ci vorrà una morsa cilindrica, qualcuno mi corregga se sbaglio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

non avresti dovuto sraggiare il mozzo con ancora la ruota libera avvitata....

era già così quando l'ho trovato, abito vicino a un quartiere americano, ogni tanto ci passo e trovo roba accanto ai cassonetti inimmaginabile, una volta ho persino trovato una bellissima gabbia per pappagalli, un pò malridotta ma una volta riportata a nuovo vi farei vedere com'è venuta bella, sarà una gabbia da 200 euro, ora dentro ci sono 4 pappagalli. ma lasciamo i pappagalli...purtroppo gli americani si sa, fanno le cose a pipo di cane, e quando ho visto questo mozzo così mi sarebbe venuta voglia di fuckalizzarli, però cazzo che mozzo che ho trovato! con rocchetto regina!

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma in pratica come funziona il meccanismo?

se non mi mandi a fanculo con delle leve victory te lo spiego, comunque sei nella merda, se hai tagliato tu i raggi alora sei tato pure fesso! ora è praticamente impossibile smontare la ruota libera senza rovinare il mozzo, per aiutarti lascia in ammollo il tutto nel solvente nitro per qualche giorno

Share this post


Link to post
Share on other sites

mmmmhhhhh bei cazzi da cagare...

L'estrattore che serve è un millerighe con più scanalature dei classici campagnolo o shimano, qualsiasi ciclista dovrebbe averne uno. Il problema è che per svitare le ruote libere bisogna fare MOLTA forza. Per rendere l'idea la procedura standard è mettere l'estrattore in morsa, infilarci la ruota sopra e poi ruotarla in senso antiorario prendendola con due mani dal cerchio. Se il cerchio non c'è... boh! Se hai tempo raggiaci una ruota di fortuna sulla flangia libera, anche male e con un cerchio storto.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

comunque hai bisogno dell'apposito estrattore, ma non avendola andrai dal ciclista. Per come è messo adesso il mozzo credo ci vorrà una morsa cilindrica, qualcuno mi corregga se sbaglio.

esatto, oppure una morsa con tanta ma tanta gomma nel mezzo!

Cmq hai bisogno di un'estrattore come questo: Estrattore_ruota_4ede529161eca.jpg

blocchi il mozzo in una morsa aiutandoti con degli spessori di legno/gomma e poi sviti la cassetta con quella chiave ;)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

boia...cazzi amari come si dice

ma in pratica come funziona il meccanismo?

se non mi mandi a fanculo con delle leve victory te lo spiego, comunque sei nella merda, se hai tagliato tu i raggi alora sei tato pure fesso! ora è praticamente impossibile smontare la ruota libera senza rovinare il mozzo, per aiutarti lascia in ammollo il tutto nel solvente nitro per qualche giorno

ahahahah XD è che per ora sono a corto di creatività nelle foto e comunque ve l'ho detto che l'ho trovato così... spero di riuscire a risolverlo, e sennò lo porto dal mio biciclettaio e fine della storia, ci spendo quel che ci devo spendere ma almeno sono sicuro di ottenere un ottimo risultato. Edited by ragazzocampagnolo (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma in pratica come funziona il meccanismo?

se non mi mandi a fanculo con delle leve victory te lo spiego, comunque sei nella merda, se hai tagliato tu i raggi alora sei tato pure fesso! ora è praticamente impossibile smontare la ruota libera senza rovinare il mozzo, per aiutarti lascia in ammollo il tutto nel solvente nitro per qualche giorno

E poi?

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao,

devi prendere un pezzo di legno squadrato, fare un foro al centro tanto quanto il diametro del mozzo + 1 millimetro e tagliarlo in due secondo il diametro. Otterrai due pezzi con due mezzelune. metti il mozzo nel mezzo avendo l' accortezza di frapporre un pezzo di camera d' aria. Metti tutto in morsa, stringi forte. Smonterai il corpetto portapignoni con l' apposita chiave cilindrica in modo sicuro, preciso senza rigare ne rompere niente.

Lavoro elegante e pulito.

Nessun colpo di martello, niente diluente, (al massimo un pò di svitol) ma solo sana esperienza imparata da altri vecchi ciclisti.

Se non ce la fai a tenere ferma la chiave cilindrica, tienila ferma con uno sgancio rapido

Buon lavoro,

M

post-4802-0-01963900-1347392770_thumb.jp

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao,

devi prendere un pezzo di legno squadrato, fare un foro al centro tanto quanto il diametro del mozzo + 1 millimetro e tagliarlo in due secondo il diametro. Otterrai due pezzi con due mezzelune. metti il mozzo nel mezzo avendo l' accortezza di frapporre un pezzo di camera d' aria. Metti tutto in morsa, stringi forte. Smonterai il corpetto portapignoni con l' apposita chiave cilindrica in modo sicuro, preciso senza rigare ne rompere niente.

Lavoro elegante e pulito.

Nessun colpo di martello, niente diluente, (al massimo un pò di svitol) ma solo sana esperienza imparata da altri vecchi ciclisti.

Se non ce la fai a tenere ferma la chiave cilindrica, tienila ferma con uno sgancio rapido

Buon lavoro,

M

si certo ma se fra i filetti c'è la classica "cracia" col cavolo che ci riesci, quella chiave di tipo a millerighe è superflua da tenere ferma con lo sgancio rapido, cosa invece indispensabile per quella a due becchi delle ruote più vecchie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao,

devi prendere un pezzo di legno squadrato, fare un foro al centro tanto quanto il diametro del mozzo + 1 millimetro e tagliarlo in due secondo il diametro. Otterrai due pezzi con due mezzelune. metti il mozzo nel mezzo avendo l' accortezza di frapporre un pezzo di camera d' aria. Metti tutto in morsa, stringi forte. Smonterai il corpetto portapignoni con l' apposita chiave cilindrica in modo sicuro, preciso senza rigare ne rompere niente.

Lavoro elegante e pulito.

Nessun colpo di martello, niente diluente, (al massimo un pò di svitol) ma solo sana esperienza imparata da altri vecchi ciclisti.

Se non ce la fai a tenere ferma la chiave cilindrica, tienila ferma con uno sgancio rapido

Buon lavoro,

M

si certo ma se fra i filetti c'è la classica "cracia" col cavolo che ci riesci, quella chiave di tipo a millerighe è superflua da tenere ferma con lo sgancio rapido, cosa invece indispensabile per quella a due becchi delle ruote più vecchie

Scusa ma non ho capito cosa è la chiave a due becchi!

Nel caso presentato dall' amico di Pontasserchio. l'unico modo per non far scappare via la chiave a mellerighe tenendola pressata verso la sua sede, è quello di tenerla ferma con uno sgancio rapido messo per l' occasione. Forse non hai capito bene come si deve fare. Se poi per chiave a due becchi, intendi questa che ti metto in figura. non c'è bisogno dello sgancio rapido. Se poi per cracia intendi l'eventuale ossido che può essersi formato tra i filetti di contatto alluminio-ferro, il solvente è solo in grado di sciogliere o ammorbidire parti organiche tipo vernici essiccate o plastiche, non i metalli e tantomeno ossidi. Semmai devi usare un lubrificante tipo SVITOL.

In ultima analisi, è sempre possibile smontare completamente il pacco pignoni, l' anello esterno della ruota libera. togliere le sfere, e resta l'anello interno filettato. A questo punto si deve scaldare con un phon industriale (da 300 a 400 °C) e cercare di smuovere il tutto e riassemblare la ruota libera come si deve. L' lluminio e sue leghe fondono a temperature di 200 °C superiori e non c'è pericolo di cambiarne le caratteristiche meccaniche

Poi ognuno può fare come gli pare.

Ho già fatto per amici lavori di questo tipo e con quel pacco pignoni, lo stesso lavoro si può fare anche con pacchi pignoni di ancor più vecchio tipo.

Buone pedalate.

M

post-4802-0-19312800-1347433727_thumb.jp

post-4802-0-51643600-1347435009.jpg

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

la chiave a "due becchi" è quella piccola che c'è proprioin fondo al tuo articolo. Per il resto invece, in base alla mia esperienza quando devi smontare con la "chiave a millerighe£ non c'è pisogno dello sgancio rapido perchè è molto difficile che esca dalla sede, mentre la chiave a "due becchi" è praticamente impossibile da tenere in posizione senza questto piccolo trucco. Per il resto invece è facile che con il tempo e l'utilizzo sporcizia varia grasso o altri lubrificanti facciano quella classica schifezza nera che poi alla lunga secca e rende difficoltoso lo smontaggio, in questo caso iol solvente scioglie tutte quelle schifezze, lo svitol aiuta, ma ne servono quantità industriali! smontare e poi scaldare è fattibiole, ma poi rimane sempre il problema di bloccare il mozzo in maniera adeguata e io in morsa un mozzo serio non lo chiuderei mai. una possibile soluzione è quella di lasciare a mollo il mozzo nel solvente in modo da eliminare tutte le schifezze varie, poi raggiare la flangia disponibile, scaldare la ruota libera per smuoverla, inserire la chiave "a millerighe" bloccarla in morsa e poii girare il cerchio. L'inconveniente è che si rischia di tranciare il mozzo in quanto la torsione è applicata solo si una flangia e quindi non è equilibrata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.