alxxx

dubbi sulla mia prima eroica!

16 posts in this topic

ciao a tutti!

mi ha preso da poco la voglia di avere una bici bella (una bici già ce l'ho ma non si può definire tale) e guardando quà e là ho deciso per l'eroica.

ho cominciato a cercare telai: mi interessano quelli principalmente perché mio nonno era ciclista e di pezzi vari penso di averne più che a sufficienza.

mi assalgono però alcuni dubbi:guardando vari telai nei mercatini o su internet come faccio a capire se veramente fanno al caso mio? oltre all'anno di produzione (ed ovviamente allo stato di conservazione) devono avere i buchi sul tubo inferiore del telaio (non so come si chiama) per le leve del cambio? oppure esistono altri metodi per fissarle?

mi rendo conto che sono domande che potrebbero sembrare stupide ma sono ignorante :)

grazie a tutti!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao, gli attacchi saldati sul tubo obliquo per i manettini ad esempio nei telai anni 50/60 non c' erano. Manettini, passacavi, fermaguaine erano tutti a fascetta come questi:

post-388-0-64386000-1347209128.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

ho risolto alla fine, ma grazie comunque :)

solo per chiarezza: bici "eorica" è una roba che ci siamo inventati adesso... sono semplicemente bici vecchie, quelle più belle al limite le chiamiamo d'epoca, come le auto...

Share this post


Link to post
Share on other sites

sisi avevo inteso che è un termine che deriva dalla corsa no? vorrei correrla, per questo motivo sto cercando pezzi vecchi :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

sisi avevo inteso che è un termine che deriva dalla corsa no? vorrei correrla, per questo motivo sto cercando pezzi vecchi :)

beh... non è una corsa, dato che non è competitiva, e a meno del tuo puro piacere collezionistico, l'eroca la puoi fare con una qualsiasi bici che trovi su subito.it a massimo 200 euro (della tua misura però eh...)

Share this post


Link to post
Share on other sites

ho risolto alla fine, ma grazie comunque :)

solo per chiarezza: bici "eorica" è una roba che ci siamo inventati adesso... sono semplicemente bici vecchie, quelle più belle al limite le chiamiamo d'epoca, come le auto...

Esatto, l' Eroica è la mamma (la prima nel 1997 con meno di 100 partecipanti) di tutte le altre ciclostoriche che negli ultimi tempi, visto il successo della formula si sono moltiplicate, tantè che da 2 anni esiste anche un Giro d' Italia d' epoca che le raggruppa.

All' inizio le ciclostoriche erano amate dai nostalgici, collezionisti, ex corridori. Successivamente, grazie anche ad alcuni sponsor particolarmente vicini ai giovani e al carattere "godereccio" delle manifestazioni sono state conosciute anche dai giovani.

Le bici più belle e particolari venivano chiamate anche Specialissime, qui ve ne sono di interessanti.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

PS: ovviamente parli del 2013 per andare all'eroica

Nel 2013 ci sarà anche l' edizione zero in Giappone!!!! E' una formula che funziona talmente tanto, che recentemente è stato fatto un' accordo di cessione del concept nel paese del sol levante. Vi immaginate pedalare tra i ciliegi in fiore alla pendici del fujiyama? ok non ci sarà il chianti e la ribollita, ma sushi e sakè

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

PS: ovviamente parli del 2013 per andare all'eroica

Nel 2013 ci sarà anche l' edizione zero in Giappone!!!! E' una formula che funziona talmente tanto, che recentemente è stato fatto un' accordo di cessione del concept nel paese del sol levante. Vi immaginate pedalare tra i ciliegi in fiore alla pendici del fujiyama? ok non ci sarà il chianti e la ribollita, ma sushi e sakè

io mi immagino anche prima o poi l'edizione americana... (nel senso che mi farebbe piacere eh...)

Share this post


Link to post
Share on other sites

capito :) bè in giappone deve davvero essere una figata anche se prima magari faccio quella italiana, nel 2013 ovvio! :)

si diciamo che un po' per piacere collezionistico un po' per nostalgia di un tipo di bici che non ho neanche vissuto sto pian piano assemblando un mezzo con pezzi non nuovi!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vieni a Gaiole in Chianti a fare almeno un giro turistico e potrai renderti conto di persona di cosa si tratta sia dal punto di vista della manifestazione che dal punto di vista delle bici. Il divertimento e l' interesse sono assicurati.

M

Share this post


Link to post
Share on other sites

le iscrizioni sono chiuse, ma il percorso è aperto a tutti !

Vero il percorso è aperto a tutti (visto la tipologia della manifestazione non potrebbe essere altrimenti). Il percorso lungo (205 km) è anche completamente indicato con cartelli informativi dedicati permanenti. Però il becchime (pantagruelici ristori con prodotti tipici Toscani) viene elargito solo a chi regolarmente iscritto e indossa il pettorale (non fate i furbi eh?).

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

giustissimo, ma puoi sempre comprare una schiacciata alla finocchiona per strada ...

oppure fermarti al ristoro non ufficiale del Cecchini a Panzano (penso lo rifaccia) e rifocillarti lì.

Ma se non sei iscritto, non toccare alla ribollita in cima al Volpaia !!

Eppoi ci si va per l'ambiente, le bici, il paesaggio, il mercatino, per pedalare o per mangiare a ufo ??

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.