moruz

Dicono di noi

46 posts in this topic

Al mio segnale scatenate l'inferno!

No no con calma, prima un po' di storia.

La settimana scorsa (cioè fino a tre ore fa) sono stato al mare con la mia amata. Per allietare la mia permanenza in spiaggia (che trovo di una noia mortale) ho ben pensato di acquistare, oltre la classica settimana enigmistica, una bella copia di Top Gear italia.

Vi copio-incollo qui di sotto l'editoriale di questo numero.

"Ho l’impressione che si stia esagerando. Un po’, mica molto, ma un po’ sì. Stamattina mi arriva un’email in cui l’ALOT (Agenzia della Lombardia Orientale per i Trasporti e la Logistica) dà notizia di un progetto presentato a Stoccarda, durante ‘Cities for Mobility’ con riferimento a un disegno europeo sulla sicurezza stradale SOL, Save Our Lives, di cui, in realtà, è coordinatrice a livello europeo. In tale occasione, l’ALOT ha illustrato le linee guida del progetto con attenzione particolare ai modelli della Provincia di Brescia e di Mantova, casi virtuosi sul tema della sicurezza stradale, esportabili a livello internazionale. Fin qui tutto bene. In tale sede si è parlato di come si possano progettare le strade nelle nostre città in modo che diventino sicure; che cosa si possa fare affinché i nostri cittadini si comportino nel traffico stradale in modo che nessuno si faccia male; come sia possibile affrontare le nuove minacce dei silenziosi veicoli elettrici, degli inaspettatamente veloci Pedelec, delle molte distrazioni causate da smartphone e lettori MP3 e via di questo passo. E anche fin qui tutto bene. Ma, prendendo lo spunto da questa lodevole iniziativa con riferimento alla minaccia delle auto elettriche (su cui concordo), vorrei aggiungere i recenti ventilati provvedimenti a favore dei ciclisti. Se ho capito bene, questi signori travestiti da corridori e queste ineffabili signore, che pedalano con la svagatezza della pazza di Chaillot sulle strade cittadine (ma che strade? Marciapiedi!), che vanno contromano e passano col rosso, saranno dotati di un passaporto per l’illecito conferito loro da autorità cittadine che, pavide, cavalcano una demenziale onda verde che demonizza le auto. Vado avanti coi ciclisti, che detesto con tutto il cuore non tanto per la loro attività, ma per l’arroganza, per il menefreghismo verso tutte le regole del vivere civile e della buona educazione. Visto non solo da me, ma da altri, un cretino pedalante senza mani col cellulare all’orecchio attorno alle 18 in una strada di Milano. Perché con l’auto allora io non posso usare il telefonino e lo scemo in bici sì? Questo è razzismo bello e buono, signori. Per chiarirvi ancor più come la penso sui biker, vi riporto una parte dello sfogo di Clarkson sull’argomento. Lo condivido in toto:

“…Non ho mai dovuto rallentare, perché, tanto, ero bloccato dietro il sedere a strisce di un ciclista. Ma perché vi mettete quelle tute rivoltanti, quando andate in bicicletta? Non abbiamo nessuna voglia di vedervi i peli del culo. E perché dovete stare affi ancati in tre? Niente proteste, zitti, è vero. E perché noi automobilisti che abbiamo pagato le strade con le tasse non riceviamo nemmeno un cenno di gratitudine, quando decidiamo di non falciarvi? Temo che tutti i ciclisti siano persone orribili. C’è un sacco di gente che ha paura del futuro e quindi va al bar a piedi o in bici per risparmiare. Non discuto questo. Critico, piuttosto, la nuova idea, di sapore vetero comunista, che le strade sono lì per essere usate gratuitamente da tutti. Tranne che dagli automobilisti”

. Concordo e sottoscrivo."

Bene, il signore in questione, tal Marcello Minerbi, che ho avuto modo di conoscere in pista (ho corso), e ho avuto modo di odiare (se volete vi racconto cosa mi ha combinato), già mi stava sulle palle prima, ora lo ammazzerei di schiaffi. Se vi interessa ho il suo indirizzo email.

Edited by moruz (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

cioè che ti ha fatto?

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

io personalmente quando guido la mia macchina e vedo 3 ciclisti uno di fianco all altro mi innervosisco e non poco! e idem per quelli che telefonano e vanno senza mani in mezzo alla strada.

non giustifico però l odio incondizionato ai ciclisti!

e da ciclista cerco sempre di rispettare le regole e gli altri! per una questione di civiltà e mia incolumità

Edited by luca_mass (see edit history)
5 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

io cerco di comportarmi in modo da non fare odiare indistintamente i ciclisti in toto....che tristezza

2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

un ciclista al cellulare rischia di farsi male avendo una mano occupata, un automobilista al cellulare rischia di far male agli altri.

5 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma dai non vale neanche la pena perdere tempo dietro uno così.. 99% c'ha la frustrazione a causa dell'accendino che si ritrova al posto del pisello e i ciclisti lo rallentano mentre va a caricare travoni.. lasciatelo perdere poveretto..

9 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Siamo su questi livelli: https://fbcdn-sphotos-b-a.akamaihd.net/hphotos-ak-snc7/405258_4510372838221_1570688336_n.jpg

:))

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tra l'altro notate la grafica! Stile viaggi organizzati di pensionati che vanno in ritiro spirituale e si comprano le stoviglie!

MIO DIO! :)

Ma hai fonti più precise?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.