Espulso

Non si può "sbagliare" con la vita degli altri!

22 posts in this topic

Stamattina ho assistito ad un incidente che mi ha scioccato, mi ha lasciato col cuore in gola per alcuni minuti.

In poche parole 3 donne dentro una golf sportiva o tuning "non so se il termine sia giusto", parlando tra di loro non si sono accorte che sulle strisce pedonali/ciclabili stava passando una signora sui 45 anni, niente da fare impatto diretto, senza frenare se non dopo l'urto. Una volta fuori dalla macchina la tipa alla guida si mise a piangere dicendo di aver sbagliato.

Mi sono sentito come piccolo, e vi dirò di più, mi sono sentito toccato nel mio,come se la cosa mi riguardasse direttamente.

Non so spiegarvi la sensazione a parole, ma mi sono scese le lacrime ed io non sono uno dalla lacrima facile.

E questi episodi non fanno altro che aumentare il mio odio non tanto verso le macchine quanto alle persone che le guidano.Mi rendo conto che fino a pochi anni fa, prima di cominciare a girare in bici forse anch'io non consideravo il fatto che la strada non è solo per le macchine...

Poi essendo io stato preso sotto e lasciato sanguinante sul asfalto, forse aumenta la sensibilità.

Sentivo il bisogno di raccontarlo a qualcuno, e credo che questo forum e le persone che ne fanno parte siano quelle giuste

Edited by er√ (see edit history)
7 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ti sono vicino, perchè so cosa vuol dire.

Sia vedere un incidente del genere, che rimanere sull'asfalto, che vedere un tuo amico finire sottoterra.

Possiamo parlarne quanto vogliamo, ma la triste verità è che ogni volta che scendiamo in strada rischiamo grosso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo la gente che si mette alla guida,di qualsiasi mezzo,non si rende pienamente conto delle conseguenza che può causare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stamattina ho assistito ad un incidente che mi ha scioccato, mi ha lasciato col cuore in gola per alcuni minuti.

In poche parole 3 donne dentro una golf sportiva o tuning "non so se il termine sia giusto", parlando tra di loro non si sono accorte che sulle strisce pedonali/ciclabili stava passando una signora sui 45 anni, niente da fare impatto diretto, senza frenare se non dopo l'urto. Una volta fuori dalla macchina la tipa alla guida si mise a piangere dicendo di aver sbagliato.

Mi sono sentito come piccolo, e vi dirò di più, mi sono sentito toccato nel mio,come se la cosa mi riguardasse direttamente.

Non so spiegarvi la sensazione a parole, ma mi sono scese le lacrime ed io non sono uno dalla lacrima facile.

E questi episodi non fanno altro che aumentare il mio odio non tanto verso le macchine quanto alle persone che le guidano.Mi rendo conto che fino a pochi anni fa, prima di cominciare a girare in bici forse anch'io non consideravo il fatto che la strada non è solo per le macchine...

Poi essendo io stato preso sotto e lasciato sanguinante sul asfalto, forse aumenta la sensibilità.

Sentivo il bisogno di raccontarlo a qualcuno, e credo che questo forum e le persone che ne fanno parte siano quelle giuste

c'è poco da fare con il "non ti avevo visto" "ho sbagliato" blablabla...

sono tutte scuse del cazzo, come quando uno ti taglia la strada per svoltare, senza freccia e ti tocca inchiodare... certo, magari non succede niente perchè sei ababstanza pronto, e lasci correre

ma a novembre dell'anno scorso una tizia (poi risultata gentilissima per carità... ma appena scesa mi fa£"eh non ti avevo visto"... grazie al cazzo ci manca che mi avevi visto e mi vieni addosso) mi ha toccato dentro e buttato giu metnre ero sulla ciclabile (si a milano ci sono le ciclabili interrotte ogni due per tre da strade di svolta delle macchine)... se prima non rompevo i coglioni come un vecchio di merda ad ogni "superficialità" degli automobilisti che mi stanno intorno, mo ogni mezza cosa (girare senza freccia, macchina sulal ciclabile e via dicendo) sono strilli e incazzature

è l'unico modo per fargli entrare in testa che stanno guidando e non possono essere distratti.

comunque sper tu abbia soccorso la milfona e che ora ti stia mantenendo come un vero toyboy

Edited by ska (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da noi stamane è mancato un ragazzo, 28 anni, travolto sulle strisce mentre andava al lavoro, in pieno giorno.

Il tizio manco si è fermato, si è poi costituito ore dopo.

Troppe volte vedo disattenzione, superficialità, menefreghismo: l'urgenza di arrivare ad un semaforo rosso, di sorpassare, di arrivare "primi" in non so quale gara, manco ci fosse un premio al fondo.

Mentre spesso, il "premio" è una vita spezzata ed un'altra che (se dotati di coscienza) tanto serena non lo sarà più.

Li guardi negli occhi quando mancano la precedenza, speronano, non si fermano agli stop: occhi vuoti, allibiti (io? cosa sto facendo?).. significa che manca qualcosa, manca un pezzo.

Dovrebbero obbligare la gente a fare un "tirocinio" di qualche giorno in bici per le città, prima di prendere la patente per qualunque mezzo.

Forse allora, quando si saranno sentiti anche loro "nudi" in mezzo al metallo e all'asfalto, apriranno gli occhi?

8 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da noi stamane è mancato un ragazzo, 28 anni, travolto sulle strisce mentre andava al lavoro, in pieno giorno.

Il tizio manco si è fermato, si è poi costituito ore dopo.

Troppe volte vedo disattenzione, superficialità, menefreghismo: l'urgenza di arrivare ad un semaforo rosso, di sorpassare, di arrivare "primi" in non so quale gara, manco ci fosse un premio al fondo.

Mentre spesso, il "premio" è una vita spezzata ed un'altra che (se dotati di coscienza) tanto serena non lo sarà più.

Li guardi negli occhi quando mancano la precedenza, speronano, non si fermano agli stop: occhi vuoti, allibiti (io? cosa sto facendo?).. significa che manca qualcosa, manca un pezzo.

Dovrebbero obbligare la gente a fare un "tirocinio" di qualche giorno in bici per le città, prima di prendere la patente per qualunque mezzo.

Forse allora, quando si saranno sentiti anche loro "nudi" in mezzo al metallo e all'asfalto, apriranno gli occhi?

quoto assolutamente il tirocinio, e mi dispiace davvero tantissimo per il ragazzo Edited by uri (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stamattina ho assistito ad un incidente che mi ha scioccato, mi ha lasciato col cuore in gola per alcuni minuti.

In poche parole 3 donne dentro una golf sportiva o tuning "non so se il termine sia giusto", parlando tra di loro non si sono accorte che sulle strisce pedonali/ciclabili stava passando una signora sui 45 anni, niente da fare impatto diretto, senza frenare se non dopo l'urto. Una volta fuori dalla macchina la tipa alla guida si mise a piangere dicendo di aver sbagliato.

Mi sono sentito come piccolo, e vi dirò di più, mi sono sentito toccato nel mio,come se la cosa mi riguardasse direttamente.

Non so spiegarvi la sensazione a parole, ma mi sono scese le lacrime ed io non sono uno dalla lacrima facile.

E questi episodi non fanno altro che aumentare il mio odio non tanto verso le macchine quanto alle persone che le guidano.Mi rendo conto che fino a pochi anni fa, prima di cominciare a girare in bici forse anch'io non consideravo il fatto che la strada non è solo per le macchine...

Poi essendo io stato preso sotto e lasciato sanguinante sul asfalto, forse aumenta la sensibilità.

Sentivo il bisogno di raccontarlo a qualcuno, e credo che questo forum e le persone che ne fanno parte siano quelle giuste

c'è poco da fare con il "non ti avevo visto" "ho sbagliato" blablabla...

sono tutte scuse del cazzo, come quando uno ti taglia la strada per svoltare, senza freccia e ti tocca inchiodare... certo, magari non succede niente perchè sei ababstanza pronto, e lasci correre

ma a novembre dell'anno scorso una tizia (poi risultata gentilissima per carità) mi ha toccato dentro e buttato giu metnre ero sulla ciclabile (si a milano ci sono le ciclabili interrotte ogni due per tre da strade di svolta delle macchine)... se prima non rompevo i coglioni come un vecchio di merda ad ogni "superficialità" degli automobilisti che mi stanno intorno, mo ogni mezza cosa (girare senza freccia, macchina sulal ciclabile e via dicendo) sono strilli e incazzature

è l'unico modo per fargli entrare in testa che stanno guidando e non possono essere distratti.

Proprio a questo mi riferivo.

Non si può sbagliare mentre sei alla guida, se il tempo per agire non ti basta vuol dire che stai andando troppo veloce.

C'è una distrazione totale nella gente che guida, devo dire che c'era anche in me prima di girare solo ed esclusivamente in bici. Adesso quando salgo in macchina per lavoro vedo possibili pericoli ovunque, e quindi vado a tale velocità da potermi fermare. Voi mi dirette di essere esagerato, e io vi rispondo "Col cazzo, io non voglio fare male a nessuno"

2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adesso quando salgo in macchina per lavoro vedo possibili pericoli ovunque, e quindi vado a tale velocità da potermi fermare. Voi mi dirette di essere esagerato, e io vi rispondo "Col cazzo, io non voglio fare male a nessuno"

ESATTAMENTE quello che è successo e succede anche a me, a maggior ragione avendo un "catafalco" di pickup.

Per questo dico che un pò di "tirocinio" appunto, imho risparmierebbe moltissime vite.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stamattina ho assistito ad un incidente che mi ha scioccato, mi ha lasciato col cuore in gola per alcuni minuti.

In poche parole 3 donne dentro una golf sportiva o tuning "non so se il termine sia giusto", parlando tra di loro non si sono accorte che sulle strisce pedonali/ciclabili stava passando una signora sui 45 anni, niente da fare impatto diretto, senza frenare se non dopo l'urto. Una volta fuori dalla macchina la tipa alla guida si mise a piangere dicendo di aver sbagliato.

Mi sono sentito come piccolo, e vi dirò di più, mi sono sentito toccato nel mio,come se la cosa mi riguardasse direttamente.

Non so spiegarvi la sensazione a parole, ma mi sono scese le lacrime ed io non sono uno dalla lacrima facile.

E questi episodi non fanno altro che aumentare il mio odio non tanto verso le macchine quanto alle persone che le guidano.Mi rendo conto che fino a pochi anni fa, prima di cominciare a girare in bici forse anch'io non consideravo il fatto che la strada non è solo per le macchine...

Poi essendo io stato preso sotto e lasciato sanguinante sul asfalto, forse aumenta la sensibilità.

Sentivo il bisogno di raccontarlo a qualcuno, e credo che questo forum e le persone che ne fanno parte siano quelle giuste

c'è poco da fare con il "non ti avevo visto" "ho sbagliato" blablabla...

sono tutte scuse del cazzo, come quando uno ti taglia la strada per svoltare, senza freccia e ti tocca inchiodare... certo, magari non succede niente perchè sei ababstanza pronto, e lasci correre

ma a novembre dell'anno scorso una tizia (poi risultata gentilissima per carità... ma appena scesa mi fa£"eh non ti avevo visto"... grazie al cazzo ci manca che mi avevi visto e mi vieni addosso) mi ha toccato dentro e buttato giu metnre ero sulla ciclabile (si a milano ci sono le ciclabili interrotte ogni due per tre da strade di svolta delle macchine)... se prima non rompevo i coglioni come un vecchio di merda ad ogni "superficialità" degli automobilisti che mi stanno intorno, mo ogni mezza cosa (girare senza freccia, macchina sulal ciclabile e via dicendo) sono strilli e incazzature

è l'unico modo per fargli entrare in testa che stanno guidando e non possono essere distratti.

comunque sper tu abbia soccorso la milfona e che ora ti stia mantenendo come un vero toyboy

Poveretta...non ha ripreso i sensi finché non è arriva (fortunatamente in 5 min) l'ambulanza.

Cmq mi sono fermato ma non ho intervenuto perché c'era un signore che ne sapeva molto più di me.

resta il fatto che non ha ripreso i sensi, l'hanno caricata in ambulanza e sono sfrecciati via

Edited by er√ (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stamattina ho assistito ad un incidente che mi ha scioccato, mi ha lasciato col cuore in gola per alcuni minuti.

In poche parole 3 donne dentro una golf sportiva o tuning "non so se il termine sia giusto", parlando tra di loro non si sono accorte che sulle strisce pedonali/ciclabili stava passando una signora sui 45 anni, niente da fare impatto diretto, senza frenare se non dopo l'urto. Una volta fuori dalla macchina la tipa alla guida si mise a piangere dicendo di aver sbagliato.

Mi sono sentito come piccolo, e vi dirò di più, mi sono sentito toccato nel mio,come se la cosa mi riguardasse direttamente.

Non so spiegarvi la sensazione a parole, ma mi sono scese le lacrime ed io non sono uno dalla lacrima facile.

E questi episodi non fanno altro che aumentare il mio odio non tanto verso le macchine quanto alle persone che le guidano.Mi rendo conto che fino a pochi anni fa, prima di cominciare a girare in bici forse anch'io non consideravo il fatto che la strada non è solo per le macchine...

Poi essendo io stato preso sotto e lasciato sanguinante sul asfalto, forse aumenta la sensibilità.

Sentivo il bisogno di raccontarlo a qualcuno, e credo che questo forum e le persone che ne fanno parte siano quelle giuste

c'è poco da fare con il "non ti avevo visto" "ho sbagliato" blablabla...

sono tutte scuse del cazzo, come quando uno ti taglia la strada per svoltare, senza freccia e ti tocca inchiodare... certo, magari non succede niente perchè sei ababstanza pronto, e lasci correre

ma a novembre dell'anno scorso una tizia (poi risultata gentilissima per carità... ma appena scesa mi fa£"eh non ti avevo visto"... grazie al cazzo ci manca che mi avevi visto e mi vieni addosso) mi ha toccato dentro e buttato giu metnre ero sulla ciclabile (si a milano ci sono le ciclabili interrotte ogni due per tre da strade di svolta delle macchine)... se prima non rompevo i coglioni come un vecchio di merda ad ogni "superficialità" degli automobilisti che mi stanno intorno, mo ogni mezza cosa (girare senza freccia, macchina sulal ciclabile e via dicendo) sono strilli e incazzature

è l'unico modo per fargli entrare in testa che stanno guidando e non possono essere distratti.

comunque sper tu abbia soccorso la milfona e che ora ti stia mantenendo come un vero toyboy

Poveretta...non ha ripreso i sensi finché non è arriva (fortunatamente in 5 min) l'ambulanza.

Cmq mi sono fermato ma non ho intervenuto perché c'era un signore che ne sapeva molto più di me.

resta il fatto che non ha ripreso i sensi, l'hanno caricata in ambulanza e sono sfrecciati via

ma poi si è ripresa o no? Cmq sarei davvero curioso di sapere cosa stava facendo quella che guidava....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guarda da ex volontario del 118 ti posso dire che il 90% degli incidenti avvengono per disattenzione e le parole dei "colpevoli" sono sempre le stesse... " mi dispiace non l'avevo visto" e la risposta è sempre quella "scusa ma dove Minkia guardavi?"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok per il tirocinio,ma bisognerebbe farlo ogni anno,perchè la gente fà presto a dimenticare.

Edited by max70 (see edit history)
2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok per il tirocinio,ma bisognerebbe farlo ogni anno,perchè la gente fà presto a dimenticare.

Io credo seriamente che bisognerebbe formare/informare coloro che si metteranno alla guida di un veicolo, sia dei pericoli che potrebbero trovare e sia dei pericoli/danni che potrebbero causare.

E perché non inserire nelle scuole guida una buona parte della parte teorica anche il tema della condivisione della strada tra auto, pedoni e bici.

Ma non mancano nemmeno gli stronzi in bici che magari credono che su due ruote si possa fare quel cazzo che gli pare...

Esempio, poco tempo fa mi stava arrivando a dosso una bella fissa con un bel lenticolare e cattivo, e quando ho visto che il tipo non ri combinava a frenare e quindi stava per sbattermi contro ho dovuto io lanciarmi in mezzo alle macchine per evitarlo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

no vabè tre donne su una golf tuning!?!?!?

minchia meglio un bagno in una vasca di squali bianchi. ..meno pericolosi di quelle tre

3 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da noi stamane è mancato un ragazzo, 28 anni, travolto sulle strisce mentre andava al lavoro, in pieno giorno.

Il tizio manco si è fermato, si è poi costituito ore dopo.

Troppe volte vedo disattenzione, superficialità, menefreghismo: l'urgenza di arrivare ad un semaforo rosso, di sorpassare, di arrivare "primi" in non so quale gara, manco ci fosse un premio al fondo.

Mentre spesso, il "premio" è una vita spezzata ed un'altra che (se dotati di coscienza) tanto serena non lo sarà più.

Li guardi negli occhi quando mancano la precedenza, speronano, non si fermano agli stop: occhi vuoti, allibiti (io? cosa sto facendo?).. significa che manca qualcosa, manca un pezzo.

Dovrebbero obbligare la gente a fare un "tirocinio" di qualche giorno in bici per le città, prima di prendere la patente per qualunque mezzo.

Forse allora, quando si saranno sentiti anche loro "nudi" in mezzo al metallo e all'asfalto, apriranno gli occhi?

amen.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.