blueice

Noi della Diaz.

177 posts in this topic

Voglio condivedere con voi una notizia che sicuramente molti, se non tutti, hanno letto, ma per chi come me è stato coinvolto in questi eventi, non può che essere un piccolo sorriso dopo 11 anni di incubi e sfiducia nello stato.

Personalmente è stata la prima volta, all'epoca ero li per festeggiare con mio padre i miei 19 anni, la prima volta che avevo paura per l'incolumità della mia vita, che mi chiedevo cosa potessi fare e che cosa stesse succedendo davvero. E' stata anche la prima volta che ho sentito mio padre urlarmi di correre per mettermi al sicuro.

Negli anni tutti i governi, di destra e di sinistra, hanno provato ad insabbiare il tutto, ma questa sera io festeggerò ...

http://www.repubblic...29/?ref=HREC1-1

azz, il tuo millesimo messaggio...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Voglio condivedere con voi una notizia che sicuramente molti, se non tutti, hanno letto, ma per chi come me è stato coinvolto in questi eventi, non può che essere un piccolo sorriso dopo 11 anni di incubi e sfiducia nello stato.

Personalmente è stata la prima volta, all'epoca ero li per festeggiare con mio padre i miei 19 anni, la prima volta che avevo paura per l'incolumità della mia vita, che mi chiedevo cosa potessi fare e che cosa stesse succedendo davvero. E' stata anche la prima volta che ho sentito mio padre urlarmi di correre per mettermi al sicuro.

Negli anni tutti i governi, di destra e di sinistra, hanno provato ad insabbiare il tutto, ma questa sera io festeggerò ...

http://www.repubblic...29/?ref=HREC1-1

azz, il tuo millesimo messaggio...

Già. E di solito sono coglionate ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma no no, per qualcuno tutto quello che è successo era il cosciente operato di soggetti delle forze dell'ordine, padri di famiglia e instancabili lavoratori servitori della patria e cazzate varie.

E' che alla diaz c'erano i bambini monelli e se la sono cercata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma tu eri alla Diaz?????

Si, ho vissuto Genova molto intensamente per vari motivi personali e famigliari direi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma tu eri alla Diaz?????

Si, ho vissuto Genova molto intensamente per vari motivi personali e famigliari direi.

Caspita!!!! Mi rendo conto che non ti sto facendo una richiesta banale, ma avresti

voglia di raccontarci qualcosa? Non ho mai parlato con nessuno (anche se in questo

caso virtualmente) che si trovasse fisicamente alla Diaz.

Share this post


Link to post
Share on other sites

la cosa allegra è che non faranno un giorno di carcere, e non saranno manco radiati.

diciamo pure che questi sono dei capri espiatori, quelli che davano loro gli ordini, son

stati pure promossi!

la legge è proprio uguale per tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avrei da riempire pagine e pagine di quanto ho visto e vissuto in quei giorni, ma non ho voglia di scavare in alcuni ricordi che mi hanno tormentato a lungo.

Posso dirti che provengo da una famiglia in cui mio nonno paterno è stato un partigiano comunista attivo e che quando è stato seppellito ha avuto un funerale civile (assai meno rari dei matrimoni civili) con i suoi ex compagni che hanno tenuto il pugno alzato tutto il tempo. Mio padre invece da Torino si trasferì a Genova per lavorare alle fonderie dell'Italsider e fu anche lui membro attivo di LC e finì pure in carcere per motivi che tralascio.

Io sono nato il 19 luglio 1982 e mio padre e i suoi compagni di allora decisero di ritrovarsi appunto per festeggiare il mio compleanno a Genova durante le manifestazioni del G8, insomma iniziavo ad essere un ometto e volevano introdurmi alla vera vita politica fatta non solo di parole.

Inutile dire che la situazione collassò selvaggiamente.

Della Diaz ho questo ricordo negli occhi: io mi ero accovacciato sotto una scrivania lungo uno dei corridoi al piano terreno e sapevo che sarei dovuto correre via: si capiva davvero poco, urla, pianti, sangue. Cuore in gola.

In un momento in cui mi sembrava più libero il passaggio verso l'uscita iniziai a correre, quando un finanziere mi vide e mi stava correndo incontro con il manganello ben in vista ... una signora si butta per terra davanti a me in ginocchio con le mani alzate e il volto in lacrime. Il finanziere la colpisce con tutta la forza che ha sul viso col manganello, ma questo mi permette di correre fino all'uscita ...

... e trovarmi davanti un esercito.

Mani in alto e tremante come una foglia fui ammanettato e sbattuto dentro una camionetta.

PD!!! Posso solo immaginare quanto possa segnarti. Per quanto sia possibile senza conoscerti, e ad undici anni dagli eventi, ti sono vicino (come credo gli altri).

Per quanto riguarda la sentenza, nonostante sia ovviamente una giustizia parziale e forse non del tutto soddisfacente, mi sembra comunque un grosso passo avanti. Anche solo ammettere a livello istituzionale che alcuni capi delle forze dell'ordine sono COLPEVOLI è qualcosa quasi di rivoluzionario, visti i problemi della giustizia, e non solo, in Italia.

Quindi, nonostante tutto, fai bene a festeggiare, ed io festeggio con te.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' una magra consolazione, ma forse il velo è squarciato.

Per il resto, solo rispetto, per tutta la stirpe.

p.s. se vuoi ci sono per un brindisi. ;)

Edited by helix (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avrei da riempire pagine e pagine di quanto ho visto e vissuto in quei giorni, ma non ho voglia di scavare in alcuni ricordi che mi hanno tormentato a lungo.

Posso dirti che provengo da una famiglia in cui mio nonno paterno è stato un partigiano comunista attivo e che quando è stato seppellito ha avuto un funerale civile (assai meno rari dei matrimoni civili) con i suoi ex compagni che hanno tenuto il pugno alzato tutto il tempo. Mio padre invece da Torino si trasferì a Genova per lavorare alle fonderie dell'Italsider e fu anche lui membro attivo di LC e finì pure in carcere per motivi che tralascio.

Io sono nato il 19 luglio 1982 e mio padre e i suoi compagni di allora decisero di ritrovarsi appunto per festeggiare il mio compleanno a Genova durante le manifestazioni del G8, insomma iniziavo ad essere un ometto e volevano introdurmi alla vera vita politica fatta non solo di parole.

Inutile dire che la situazione collassò selvaggiamente.

Della Diaz ho questo ricordo negli occhi: io mi ero accovacciato sotto una scrivania lungo uno dei corridoi al piano terreno e sapevo che sarei dovuto correre via: si capiva davvero poco, urla, pianti, sangue. Cuore in gola.

In un momento in cui mi sembrava più libero il passaggio verso l'uscita iniziai a correre, quando un finanziere mi vide e mi stava correndo incontro con il manganello ben in vista ... una signora si butta per terra davanti a me in ginocchio con le mani alzate e il volto in lacrime. Il finanziere la colpisce con tutta la forza che ha sul viso col manganello, ma questo mi permette di correre fino all'uscita ...

... e trovarmi davanti un esercito.

Mani in alto e tremante come una foglia fui ammanettato e sbattuto dentro una camionetta.

PD!!! Posso solo immaginare quanto possa segnarti. Per quanto sia possibile senza conoscerti, e ad undici anni dagli eventi, ti sono vicino (come credo gli altri).

Per quanto riguarda la sentenza, nonostante sia ovviamente una giustizia parziale e forse non del tutto soddisfacente, mi sembra comunque un grosso passo avanti. Anche solo ammettere a livello istituzionale che alcuni capi delle forze dell'ordine sono COLPEVOLI è qualcosa quasi di rivoluzionario, visti i problemi della giustizia, e non solo, in Italia.

Quindi, nonostante tutto, fai bene a festeggiare, ed io festeggio con te.

è un sentenza che ha un grosso significato. a livello psicologico significa moltissimo.

ho sempre pensato Bolzaneto e Diaz fossero stati il punto zero della democrazia italiana (non piazza Alimonda, perchè lì da bravo legale vedo le cose un po' differentemente).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Posso capire che dia comunque una sorta di "sollievo", dall'altro lato da cittadino mi sento comunque ancora e sempre preso per i fondelli, sicchè si parla di reati prescritti, di indulto, etc. il tutto dopo insabbiamenti, inquinamenti di prove, falsa testimonianza, e quant'altro.

p.s. su piazza Alimonda non mi pronuncio, ma credo basti uno scatto tra tanti per capire una dinamica che, comunque, non doveva esserci e non doveva in alcun modo crearsi.

Edited by helix (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Premetto che non voglio scatenare nessuna polemica, volgio solo fare una domanda a chi conosce i fatti.

A me non è chiaro il perchè voi foste nella scuola. Più precisamente, non capisco se avevate occupato sta scuola o cercavate solo un rifugio per la notte. Il ciò per capire il fondamento "giuridico" dell'infervento delle forze dell'ordine quella notte.

Sentiti pure libero di non rispondere eh, sia chiaro.

Edited by MAFIX (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.