Dane

Pisapia e Maran vergognatevi!...

34 posts in this topic

http://mammiferobipe...da-marciapiede/

Un ciclista da marciapiede

Premetto che sono molto arrabbiato. Da ormai due settimane partecipo attivamente alla campagna “Salviamo i ciclisti”, promotrice di un ripensamento del luogo comune che vuole i ciclisti corresponsabili della pericolosità delle strade. È un lavoro iniziato a Roma due anni fa, avviato dalla morte di Eva, proseguito attraverso il coordinamento Di Traffico Si Muore, e che È finalmente approdato ad una dimensione nazionale.

Giusto ieri la fatidica goccia che fa traboccare il vaso: il comune di Milano commemora la memoria di Giacomo, ragazzo di quattordici anni schiacciato da un tram per colpa dell’apertura distratta della portiera di un’auto parcheggiata in seconda fila. Lo fa con un “Manuale per la sicurezza del Ciclista” in formato e-book (non intendo linkarlo, cercatevelo) nel quale, per l’ennesima volta, di tutto l’onere della sicurezza sulle strade si fanno carico unicamente i ciclisti, oltretutto ribadendo l’obbligo di “rispettare le regole” del CDS.

Difficile far comprendere a dei non ciclisti la rabbia che sto provando in questo momento, come pure la vergogna che provo nei confronti di quell’amministrazione comunale, specchio di ogni altra amministrazione pubblica italiana, sottoprodotti di un elettorato pigro, opportunista e conformista, appiattito sui luoghi comuni che i mass media e la pubblicità delle case automobilistiche veicolano da decenni.

Difficile, dicevo, ma ci proverò. Con degli esempi.

Immaginate di voler “commemorare” la memoria di una donna stuprata ed uccisa con un manuale di comportamento che inviti le donne ad indossare il Burqa, a non uscire da sole, a rinunciare alla propria autonomia e libertà.

Immaginate di voler “commemorare” i bambini mutilati ed uccisi dalle mine anti-uomo fabbricate in Italia con un manuale che suggerisca ai bambini che vivono nei teatri di guerra di non raccogliere oggetti strani, e se possibile che le famiglie stesse non li facciano uscire di casa.

Non vi sembrerebbero delle beffe crudeli? Non vi sembrerebbero proposte oscene?

Beh, qui siamo in una situazione del tutto analoga. Le strade italiane mietono più vittime “civili”, ovvero utenti disarmati come pedoni e ciclisti, di un qualsiasi teatro di guerra. Vediamo i funerali di stato per occasionali soldati uccisi in Afghanistan, ma le migliaia di vittime della motorizzazione di massa passano quotidianamente sotto silenzio.

La stampa parla di “incidenti”, ma migliaia di morti ogni anno, per decenni, sempre con le stesse dinamiche non sono classificabili come incidenti, sono l’indicazione di un meccanismo fallace, sbagliato, sostanzialmente criminale e purtroppo impossibile da rimettere in discussione. La pericolosità delle automobili, la loro parificazione con armi di offesa, È un tabù immenzionabile, un tragico “rimosso” della cultura contemporanea.

A questi signori, che pontificano dall’alto di lussuosi scranni di cose che non conoscono, che non hanno mai percorso in prima persona in bicicletta quelle stesse strade sulle quali veniamo falciati ed uccisi quasi ogni giorno, che si limitano a buttarci un occhio annoiato mentre vengono scarrozzati sulle auto blu, che hanno abbandonato le pubbliche strade all’arroganza del più forte, alla cafonaggine del “più grosso”, all’abbandono ed al “far-west”, e nonostante questo pretendono di insegnarci quello che “dobbiamo fare” per la nostra sicurezza, vanno tutta la mia disistima ed il mio disprezzo.

Io lo so benissimo cosa devo fare per la mia sicurezza. L’ho imparato sulla mia pelle in ventiquattro anni di ciclismo urbano sulle strade di una città violenta e selvaggia come Roma. L’ho imparando vedendo amici e conoscenti incidentati, traumatizzati, finiti in coma, morti. Domandandomi ogni volta che si usciva insieme “Chi sarà il prossimo? A chi toccherà la prossima volta?” L’ho imparato e sono sopravvissuto.

E la dura lezione della strada È semplice e brutale: “dimenticati delle leggi fatte dagli altri… se vuoi sopravvivere le leggi fattele da te, e rispetta solo quelle”. Il Codice della Strada italiano ha delle norme in teoria molto valide. Ma se vengono sistematicamente ignorate e disattese, se non vengono fatte rispettare a quelli che rischiano la pelle altrui e non la propria, diventa ancor meno utile della carta igienica.

Il Codice della Strada ci obbliga a stare sulla carreggiata, ma non È in grado di obbligare le automobili a sorpassarci ad una distanza di sicurezza, negandoci di fatto la fruizione di quello spazio. Non stupisca se a quel punto me ne prendo altri. Ho bici ammortizzate in grado di salire e scendere al volo dai marciapiedi: mi prendo i marciapiedi. Non sono meglio della strada, mi rallentano e mi fanno litigare coi pedoni, ma rappresentano comunque un male minore rispetto alle fratture o alla morte.

Le piste ciclabili sono fatte male, sconnesse, spezzettate, sporche, semi-abbandonate, ingombre di pali, raffazzonate… se ho fretta mi riprendo la strada, con buona pace del fatto che il CDS mi obblighi a stare sulla pista.

E quando sono sulla sede stradale, se posso avvantaggiarmi di un tratto libero dal traffico “bruciando” un semaforo in sicurezza non ci penso su due volte. Più lontano mi tengo dalle automobili più difficilmente potranno urtarmi. Passo sui prati, scendo scalinate, imbocco strade contromano, ma non per divertimento o allegra incoscienza, semplicemente per tutelare la mia sicurezza, dal momento che né la legge né lo stato se ne preoccupano minimamente.

Non pretendo che questo mio comportamento venga preso a modello, non sto qui ad incoraggiare altri a seguirlo, È semplicemente il risultato di un’evoluzione personale. Non copiatemi perché su di voi potrebbe non funzionare: servono riflessi pronti, esperienza, freddezza ed una esatta percezione dell’istante.

Ma ho già visto troppi ciclisti rispettare le leggi e venir falciate da altri che non le rispettavano, il tutto nell’indifferenza o con la connivenza delle pubbliche amministrazioni a qualsiasi livello, nel perenne rimasticamento di luoghi comuni dei mass-media, nelle “lacrime di coccodrillo” del politico di turno. Non si può pretendere il rispetto delle leggi da parte dei soggetti maggiormente penalizzati da quelle stesse leggi, quando poi si abbandonano le strade al totale arbitrio, all’anarchia, alla giungla.

Quello che mi sento di dire ai ciclisti È molto semplice: il rispetto delle leggi non vale la vostra vita. Rispettate voi stessi, perché le leggi non vi rispettano, né tantomeno gli utenti “corazzati” della strada lo faranno. Tutelate voi stessi, perché il codice della strada non vi tutela, gli organi preposti non vi tutelano, gli amministratori pubblici non vi tutelano, i legislatori non vi tutelano.

Indossate pure il casco, ma non fidatevi del casco.

Accendete pure le luci di notte, ma non fidatevi delle luci.

Rispettate pure il CDS, ma non fidatevi del CDS.

Condividete pure la strada con le automobili, ma non fidatevi delle automobili.

E soprattutto… state attenti là fuori, È un mondo spietato.

E tale rimarrà finché non l’avremo cambiato.

Grande!

Share this post


Link to post
Share on other sites

È tristemente vero, parola per parola. È quello che io chiamo "il piccolo animaletto in mezzo al branco di bisonti". Non si può sperare che loro si preoccupino di evitarci...

Share this post


Link to post
Share on other sites

CODIVIDO cmq ho notato che ultimamente giornali e telegiornali parlano "spesso" di ciclisti investiti o cmq che ci rimettono la vita su strada prima nenache se ne parlava magari qualcosa sta cambiando!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Condivido.

Quel manualetto mi ha lasciato parecchio perplesso. E' inutile.

Mi ha fatto imbestialire il passaggio "Prima di salire in sella meglio leggerlo. Dopo, anche andare in bicicletta, sarà più sicuro."

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dane, hai ragione da vendere.

Fra l'altro il pamphlet è opinabile anche nel contenuto:

- prima consiglia di stare sulla destra, andando piano in caso aprano le portiere all'improvviso. Sappiamo invece tutti che l'unico modo per evitare una portiera, è stare ad almeno 80 cm. di distanza dalle auto parcheggiate. Ovviamente questo il pamphelt non lo dice, in quanto disturberemmo il traffico.

- poi consiglia di non superare a destra, agli incroci: e come mai al mondo potremmo superare da sinistra? facendo lo slalom fra le auto? L'unica soluzione è, dove non ci siano piste ciclabili, rendere ciclabili gi ultimi 10 mt prima degli incroci, sulla destra, il che dà automaticamente diritto di precedenza alle bici rispetto alle auto che vogliono svoltare

questi sono solo due esempi di come il manuale sia sbagliato nel metodo e nel merito.

Sarebbe stato completamente diverso se questo manuale fosse stato mandato insieme ad un altro, rivolto a tutti gli automobilisti, che li informi per esempio dei pericoli mortali comportati per i ciclisti dai parcheggi in doppia fila, in curva e sulle ciclabili.

Non ho parole

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dane, hai ragione da vendere.

...

Non ho parole

con tutto il rispetto per il nostro artista della penna, Dane, questo articolo non è suo, di fatti ha riportato all'inizio il link del blog in oggetto!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcuno riesce a scannerizzare e postare sto pieghevole della vergogna?

Sulla sinistra, dove c'è allegati:

http://www.comune.milano.it/portale/wps/portal/!ut/p/c1/04_SB8K8xLLM9MSSzPy8xBz9CP0os_hAc8OgAE8TIwMDJ2MzAyMPIzdfHw8_Y28jQ_1wkA6zeD9_o1A3E09DQwszV0MDIzMPEyefME8DdxdjiLwBDuBooO_nkZ-bql-QnZ3m6KioCADL1TNQ/dl2/d1/L2dJQSEvUUt3QS9ZQnB3LzZfQU01UlBJNDIwT1RTMzAySEtMVEs5TTMwMDA!/?WCM_GLOBAL_CONTEXT=/wps/wcm/connect/ContentLibrary/giornale/giornale/tutte+le+notizie+new/mobilita%2C+ambiente%2C+arredo+urbano%2C+verde/aumentate_multe_sosta_pista_ciclabile

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

tutta roba che chi pedala da un po' ha già assimilato. decisamente.

Piuttosto io il prossimo investimento che faccio sarà sull' illuminazione: faro anteriore.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dane, hai ragione da vendere.

...

Non ho parole

con tutto il rispetto per il nostro artista della penna, Dane, questo articolo non è suo, di fatti ha riportato all'inizio il link del blog in oggetto!

L'aver letto troppo frettolosamente mi indusse a pensare che anche il blog fosse di Dane. Cominciavo a figurarmelo come un grafomane, oltre che come un appassionato di jazz.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.