Sign in to follow this  
Followers 0
uri

deragliatore Gian Robert - illuminatemi !

11 posts in this topic

ragazzi illuminatemi, o voi che ne sapete molto più di me: cos'avete da dirmi su questo http://www.disraelig...d_style%29.html?

è un buon deragliatore?

che vantaggi hanno le ruotine liscie?

quanto può valere?

io ce l'ho, lo stai cercando per caso? sinceramente non noto differenze rispetto a qualsiasi deragliatore del suo livello....

Share this post


Link to post
Share on other sites

no, ce l'ho e volevo capire se vale abbastanza da venderlo:)

è un pezzo che ha una gran storia per me, difatti penso che finirà lucidato e appeso in camera....solo volevo scoprire qualcosa di più su di lui [e già il fatto che dica su di lui e non su esso come sarebbe giusto per un oggetto è preoccupante...indice del fatto che andrà appeso:)]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah, è sullo stesso livello di Valentino Extra e Huret (mod. base) da quanto so; le ruotine lisce non so cosa cambino a dire il vero... forse meno attrito?

Share this post


Link to post
Share on other sites

no, ce l'ho e volevo capire se vale abbastanza da venderlo:)

è un pezzo che ha una gran storia per me, difatti penso che finirà lucidato e appeso in camera....solo volevo scoprire qualcosa di più su di lui [e già il fatto che dica su di lui e non su esso come sarebbe giusto per un oggetto è preoccupante...indice del fatto che andrà appeso:)]

bassa gamma comunque eh...venderlo...forse anche io lo vendo, cambio deragliatore e manettini gianrobert.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ragazzi illuminatemi, o voi che ne sapete molto più di me: cos'avete da dirmi su questo http://www.disraelig...d_style%29.html? è un buon deragliatore? che vantaggi hanno le ruotine liscie? quanto può valere?

Gian Robert è stata una piccola Casa di produzione sorta agli inizi degli anni '60, in veneto, dalle parti di Padova.

Il primo modello, il 'Campione' del 1964, entrava nella fascia di gamma del Simplex Prestige; in plastica, molto leggero per essere competitivo, qualitativamente era inferiore, ed accusava problemi di flessione. La serie successiva infatti venne prodotta in accaio.

Diciamo che Gian Robert provò ad inserirsi tra Simplex, Huret e Campagnolo puntando su un prezzo inferiore e su una sbandierata leggerezza. La qualità però non è stata mai eccelsa. Il Valentino, in confronto, è sempre stato un bel passo avanti.

I manettini sono praticamente identici ai Campagnolo, piuttosto bellini.

Valore soprattutto affettivo :)

Edited by jan (see edit history)
1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

ragazzi illuminatemi, o voi che ne sapete molto più di me: cos'avete da dirmi su questo http://www.disraelig...d_style%29.html? è un buon deragliatore? che vantaggi hanno le ruotine liscie? quanto può valere?

Gian Robert è stata una piccola Casa di produzione sorta agli inizi degli anni '60, in veneto, dalle parti di Padova.

Il primo modello, il 'Campione' del 1964, entrava nella fascia di gamma del Simplex Prestige; in plastica, molto leggero per essere competitivo, qualitativamente era inferiore, ed accusava problemi di flessione. La serie successiva infatti venne prodotta in accaio.

Diciamo che Gian Robert provò ad inserirsi tra Simplex, Huret e Campagnolo puntando su un prezzo inferiore e su una sbandierata leggerezza. La qualità però non è stata mai eccelsa. Il Valentino, in confronto, è sempre stato un bel passo avanti.

I manettini sono praticamente identici ai Campagnolo, piuttosto bellini.

Valore soprattutto affettivo :)

grazie! allora fatta dai, finiscono sul muro in camera deragliatore e manettini:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

ragazzi illuminatemi, o voi che ne sapete molto più di me: cos'avete da dirmi su questo http://www.disraelig...d_style%29.html? è un buon deragliatore? che vantaggi hanno le ruotine liscie? quanto può valere?

Gian Robert è stata una piccola Casa di produzione sorta agli inizi degli anni '60, in veneto, dalle parti di Padova.

Il primo modello, il 'Campione' del 1964, entrava nella fascia di gamma del Simplex Prestige; in plastica, molto leggero per essere competitivo, qualitativamente era inferiore, ed accusava problemi di flessione. La serie successiva infatti venne prodotta in accaio.

Diciamo che Gian Robert provò ad inserirsi tra Simplex, Huret e Campagnolo puntando su un prezzo inferiore e su una sbandierata leggerezza. La qualità però non è stata mai eccelsa. Il Valentino, in confronto, è sempre stato un bel passo avanti.

I manettini sono praticamente identici ai Campagnolo, piuttosto bellini.

Valore soprattutto affettivo :)

grazie! allora fatta dai, finiscono sul muro in camera deragliatore e manettini:)

ci spieghi per favore da cosa è dato il valore affettivo?...curiosità...

Share this post


Link to post
Share on other sites

bhè era montato su [che me l'ha data mio nonno che a 89 anni si fa ancora viaggi in bici in Austria], con cui ho fatto un sacco di chilometri ed esperienze....e beh insomma lo saprete meglio di me, quando si pedala una bici per molto tempo si finisce per affezionarcisi! questa è un pezzo di parete di camera mia....:)

post-4419-0-77850300-1329156659_thumb.jp

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

complimenti, si percepisce vera passione nelle tue parole.

Io se fossi in te quei componenti li farei rivivere su un altro telaio, magari un bel passeggione.

Complimenti pure al nonno:) fallo iscrivere a fixed forum, di certo avrà qualcosa di bello da raccontarci (tu scrivi , lui detta)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now
Sign in to follow this  
Followers 0

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.