Sign in to follow this  
hereistay

E fu così che il treno divenne un lusso . . .

40 posts in this topic

Che bello gente, finalmente ci hanno tolto anche i treni a lunga percorrenza, così per l'ennesima volta chi dice che l'Italia è unica e indivisibile continua a star muto cieco e sordo di fronte a evidenti e voluti squilibri tra il nord e il sud.

Tanto per iniziare dal 12/12 non ci sono più quei treni che partendo dalla Sicilia e dalla Puglia arrivavano fino a Milano, Torino e Venezia e viceversa, trasportando milioni di passeggeri all'anno.

E cos'è che hanno deciso i capoccioni...ma ovvio di investire sull'alta velocità!

Alta velocità è bello, alta velocità è veloce, alta velocità è poco inquinante...peccato che alta velocità significa prezzi surreali...a parte che già sul poco inquinante ci sarebbe da ridire: l'energia elettrica non esce fuori dal nulla, in particolare da noi dove la maggior parte dell'energia elettrica viene generata in centrali turbogas.

In ogni modo, se oggi devi affrontare un viaggio devi essere fortunato e ricco...fortunato perchè devi abitare al nord, e ricco perchè certi treni costano ma costano così tanto che in aereo pagheresti di meno.

Per assurdo il sottoscritto è andato e tornato dalla Norvegia con soli 10€ (in offerta naturalmente) in aereo, mentre per farsi Forlì-Roma a/r con questi "freccioni", ha dovuto sganciare 129,2€ in seconda (in prima ce ne vogliono 180.4€).

E vabè direte, ma mica devi prendere per forza il freccione...e no mica so scemi sti capoccioni...hanno reso minima qualsiasi alternativa, tant'è che su 49 treni che ogni giorno fanno la diaspora tra Bologna e Roma ci sono solo 7 treni non frecce, 6 IC e un Espresso notte, che costano 73.10€ a/r.

In sostanza chi i soldi non li ha e da qui deve andare a Roma ha la sola possibilità di farsi quasi 7 ore di viaggio su due regionali in due sole occasioni in un giorno al prezzo di 44.2€ a/r facendo un giro assurdissimo (Forlì, Falconara, Roma).

Ma questo è solo un piccolo esempio.

Ritorniamo al fatto che bisogna essere fortunati...l'av esiste solo al nord, mai che lo sviluppo parta dal sud e poi arrivi al nord...ma è ovvio con la politica aziendale che ha ormai trenitalia, certi treni tutti sanno che solo i benestanti i manager e gli imprenditori possono permetterseli e come ovvia conseguenza l'av non poteva che nascere al nord!

Inoltre dopo la genialata dell'eliminazione dei treni a lunga percorrenza hanno aumentato i prezzi e chi si trovava a pagare 33.5€ per andare da Civitanova Marche a Padova con un ic diretto, oggi deve cacciarne o 69 o 46 di €, con cambio a Bologna, e anche questo tanto per fare un esempio.

Gli studenti, come me, che sono la maggior parte dei passeggeri che alimentano le casse di trenitalia, ormai da anni non hanno il minimo incentivo o sconto, nulla nada, zero...oggi ci sono i punti...un viaggio gratuito ogni migliaia di punti!!!

Non so se ne siete al corrente, ma da gennaio 2012 dovrebbe scendere in campo Montezemolo e Co. con l'NTV e i loro treni Italo, e...che tipi di treni saranno?Che tratte faranno?Indovinate...sono treni AV e quindi viaggeranno solo da Roma a Milano e Torino, quindi praticamente solo al nord.

Ma dico io, hanno liberalizzato le ferrovie e la prima compagnia privata a livello nazionale investe solo sull'alta velocità.

Già questo dovrebbe rendere lampante il fatto che questa compagnia nasce per far cassa, mentre di norma un concorrente dovrebbe "rubare" i passeggeri questi nascono per fregar soldi e basta.

Potrei sbagliarmi, ma non credo che se ffss mi chiede quasi 130€ a/r ntv mi chiederà la metà...sposterà di 10€, 5€ al massimo.

Ma all'Italiano che ne guadagna 1000 di € al mese, che miglioramento apporterà questa NTV?Nessuno naturalmente.

Il peggio è che un solo uomo ha deciso tutte queste belle manovre nelle ffss, tale ingegner Moretti (sicuramente c'è dietro qualcuno o peggio qualcos'altro) ma lo Stato non dice nulla.

Quindi chi avrà la necessità di viaggiare col treno perchè non ha alternative sarà costretto a pagare sempre di più oppure sarà costretto a rinunciare a ritornare nella sua terra di origine.

Detto questo, voi cosa ne pensate?Prendete il treno?Avete subito anche voi degli aumenti o l'eliminazione dei treni a lunga percorrenza ha colpito anche voi?Questa situazione non vi tange o è normale la situazione dei trasporti ferroviari nel nostro Paese secondo voi?

Edited by hereistay (see edit history)
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

non prendo il treno abitualmente ma l'ho notato cercando un treno MILANO-VENEZIA andata/ritorno.

Non ricordo la cifra esatta, probabilmente sui 70-80 euro andata/ritorno, fatto sta che calcolando benzina-autostrada-parcheggio (quest'ultimo grazie al local Finuz che mi ha consigliato un parcheggio a 4 euro al giorno) mi è convenuto non di poco prendere l'auto.

ASSURDO

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

sono dei ladri.

e fidati che anche al nord le cose non sono tanto migliori. solo treni veloci e costosi, i regionali sembrano scomparsi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

già il fatto che sia il sito che le macchine per farli al volo in stazione ti mostrino solo quei treni e per vedere gli IR devi cliccare su tutte le soluzioni l'ho sempre considerata na vergogna. chissà quanti turisti han fottuto così, vecchietti, ecc..

Share this post


Link to post
Share on other sites

sono d'accordo su TUTTA, ma proprio tutta, la linea del tuo discorso. Sono nato in una regione con mille contro e qualche pro, che molti (e a ragione) definiscono simpaticamente MOLISN'T, una regione (e qui rientro in topic) collegata malissimo da qualsiasi punto di vista: l'autostrada arriva fino a san vittore, hce non è neanche in molise, e da lì in poi è tutta una statale in salita con tir a iosa che non ce la fanno neanche a fare 1^a-2^a e che creano code interminabili. Per quanto riguarda i treni, disponiamo di soli regionali, e ci può stare perché, essendo collegata male, tutta la regione tranne la costa non è assolutamente un punto nevralgico nelle comunicazioni; il problema è che questi (numericamente pochi) treni sono dei pietosissimi regionali vecchi di almeno 40 anni, con la sola eccezione di uno (il minuetto, che ho visto solo su qualche altra breve tratta, come pisa-firenze) che una volta funziona e 10 no. Ma non è tutto, perché, nonostante l'esiguo numero di treni e, quindi, di corse (parlo della tratta campobasso/isernia- roma, cioè la più trafficata), è prevista la fermata anche a cassino e, se preso in orari di lavoro (mattina presto, tardo pomeriggio), il treno facilmente diventa un carro bestiame con gente stipata in ogni dove. Però, siccome alle ferrovie dello stato i logisti sono dei gran cervelloni, hanno ben deciso di sopprimere un paio di corse e accorparle, cosicché capiti che i tempi di attesa fra una corsa e l'altra arrivino alle 4 ore.

Per fortuna ho la macchina dove studio, ma anche con quella il viaggio pochi giorni fa è stato un salasso...

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'andazzo è quello.

C'ho passato la vita in treno e ho visto piano piano scomparire gli IR che con "poche" lire/euro ti portavano su e giu dalla penisola (non sempre in modo confortevole, anzi...)

Ora dici bene, viaggiare in treno è diventato un lusso.

Provate a cercare sul sito trenitalia un IR che vi porti da Milano a Roma; ho idea che non lo troverete.

Primo è arrivato l'InterCity, col supplemento.

Poi con gli Eurostar, l'Alta Velocità e le Frecce, si è visto come gli InterCity e gli Eurostar City abbiano cominciato ad offrire il servizio che una volta era degli IR, ad un prezzo naturalmente più alto! E gli IR: scomparsi. Ecco come moltiplicare il costo del viaggio! Ecco come dimenticarsi volontariamente delle categorie meno abbienti di viaggiatori.

Oggi il treno vuole fare l'aereo, secondo me snaturandosi, una supposta che ti spara il più velocemente possibile dal punto A al punto B. Che per carità a molti, come talvolta anche a me, può andar bene. Però mi piacerebbe poter scegliere a che velocità e a che costo viaggiare!

Italia a due velocità:

http://www.articolot...modernita/48804

http://inchieste.rep...sse-26307196%2F

Share this post


Link to post
Share on other sites

è vero una volta si riusciva a far dei gran viaggi in treno spendendo poco, bastava farsi tutto con i regionali, io adesso non riesco più a prendere un treno visti i prezzi spropositati, e rosico perché assieme alla bici è il mio modo preferito di viaggiare: ti permette di goderti il viaggio (soprattutto con i regionali che con la loro "velocità della luce" ti danno una visione poco distorta del paesaggio). Quello che i grandi capoccia non capiscono è che rimettendo a nuovo le vecchie ferrovie in disuso e fornendo un'ampia scelta di treni soprattutto low cost potrebbero incrementare i loro guadagni, fornendo così un servizio alla portata di tutti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si ragazzi, ma ormai sappiamo tutti qual'è l'andazzo perché ce l'abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni in tutti i settori (Sanità, trasporti in primis ma anche tutto il resto..) ma a parte lamentarci su facebook e sui forum, ABBIAMO intenzione di fare qualcosa oppure staremo a guardare finché sarà troppo tardi??

vi pasto una cosa che ho letto proprio stamattina:

"Se non ora, quando?

Quando non ci sarà più un ospedale che funzioni?

Quando chiamando la polizia per un’emergenza ti chiederanno di fare loro prima un bonifico per la benzina?

Quando i più disperati bruceranno le città?

Il paradosso è che questa crisi artificiale può far crollare veramente una nazione, farla morire d’infarto per la paura.

Cosa si sta aspettando?

Un leader? Un programma unitario? Una parola d’ordine avvincente?

Puoi aspettare fino a quando ti cresce il muschio sotto i piedi… Non verrà nessun leader. Sono finiti come i piccioni viaggiatori.

Tocca a me, tocca a te, tocca a tutti.

Esercitare l’arte di pensare, di agire…

Mi vien da dire “Ho un sogno…”

Ma i sogni ce li abbiamo tutti. E sogniamo già tutti la stessa cosa. Il problema è fare.

Adesso

Perché poi sarà troppo tardi. E abbiamo già perso troppo tempo con la nipote di Mubarak."

Jacopo FO - http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/12/16/cedere-terrorismo-economico/177996/

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si veramente l'auto costa meno! Basta essere in 2 e la spesa della benzina si ammortizza subito!

Esempio:

Ho alcune lezioni a imola(30Km da bologna) in auto spendo 4.50 euro di disel andata e ritorno, il treno costa 7.20!!!

Punto sempre ad andarci con altri in modo da usare 1 sola auto e quindi in 5 spendiamo meno di 1 euro a testa anzi che regalare 36 euro a quegli stronzi di trenitalia che non lavorano mai!

Lo stesso concetto poi lo si può applicare su ogni tratta, infatti anche lo scorso week end per andare in montagna abbiamo fatto meno di 10 euro a testa per andare e tornare anzi che 45 di biglietto del treno!

POI CHE CAZZO, DICONO DI USARE IL TRENO CHE INQUINA MENO! Come sempre in italia: tutte le cose utili che dovrebbero funzionare perfettamente un una civiltà moderna(come tra l'altro anche la bicicletta) vengono o gestite da cani o ci lucrano talmente tanto sopra che ne disincentivano completamente l'utilizzo!...come sempre ognuno pensa solo per se, ma poi ci lamentiamo sempre tutti!

mik

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io lo dico da tempo, l'unica soluzione è una Rivoluzione Francese, ghigliottina in piazza a ripulire la casta e tank per strada per radere al suolo sto paese di merda e ricostruirlo dal nulla. Come state a mira?!...

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

"Il documento di viaggio, ovvero il biglietto per fare la tratta, viene venduto ad un prezzo che è inferiore al costo reale della tratta...la rimanenza fra il costo effettivo del servizio erogato viene accollata alla collettività anche a chi non usufruisce del servizio pubblico ..." ... Questo perchè è un servizio pubblico e quindi svolge un servizio sociale. Per le persone ,studenti e lavoratori, che si recano in luoghi d'interesse nevralgico dal punto di vista lavorativo/scolastico/industriale ci dovrebbero essere dei servizi pubblici : treni/bus/tram/carretti...

Questa dovrebbe essere la filosofia con cui dovrebbero esser sviluppate le tratte.

Però gli enti, province e regioni in testa cominciano a chiudere i cordoni della borsa e saltano, per prime, le tratte per le utenze più deboli mentre fioriscono le tratte più redditizie.

Se siete un po' accorti qualche offerta con le fecce argento ancora la si trova (tariffa mini di trenitalia)

Ho usato il treno ogni giorno per più di sette anni tra San Donà di Piave e Padova ed anche per andare in altri posti ed ogni anno i treni regionali e gli IR sono diminuiti; per non parlare dei treni speciali che potrebbero portare molti soldi nelle casse delle FS ma che non vengono più messi, tipo treno notturno alle 2 di notte da Venezia il sabato di carnevale o al redentore :-(.

Per quanto riguarda i bus ci ho fatto 3 stagioni estive in una compagnia di trasporto pubblico ed . . anche li la situazione non cambia; purtroppo ora anche li vanno al risparmio, anche perché mediamente la gente se può usa il proprio mezzo privato, così ha libertà piena e non si lamenta che i mezzi son pieni/in ritardo/puzzano ecc ecc.

Share this post


Link to post
Share on other sites

http://www.primadanoi.it/modules/articolo/article.php?storyid=10774

Emergenza treni, incontro in Regione e raccolta firme

PESCARA. E’ ancora presto per parlare di attivismo ma qualcuno si fa sentire sull’ operazione Trenitalia che ha messo in ginocchio mezzo Abruzzo.

Qua siamo alla raccolta firme, lo sappiamo che ci fanno con le firme, giusto?

Se non si comincia a spaccare tutto una buona volta e per settimane di fila e non un pomeriggio, non se ne esce...

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vi dico solo che in Europa non si paga il treno per gli studenti e fino a 18 anni.... qua pagano pure i cani

Siamo il quarto mondo e ormai l alternativa per chi é giovane é andare alla estero.... per i piu grandi come me non si può fare altro che cercare di sopravvivere fino al giorno dell assalto al palazzo ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dal comunicato stampa di trenitalia che ha accompagnato l'entrata in vigore dei nuovi orari:

«Tra le novità ci saranno più corse per i Frecciarossa, i Frecciargento e i Frecciabianca, velocizzando l’offerta sulle direttrici tirrenica e adriatica, saranno riorganizzati i treni notte che consentirà di evitare, con la realizzazione degli hub di Roma Termini e Bologna Centrale, il taglio di questi servizi.

Acquisto online dei biglietti e un portale multimediale che, su tutti i Frecciarossa, consentirà di vedere gratis film, concerti, cartoni animati e news.

QUESTO E' DELIRIO ALLO STATO PURO!

In poche parole tutta sta manovra solo ed esclusivamente per i frecciarossa che passano nemmeno nella metà delle regioni italiane e per vedere finalmente gratis film concerti cartoni e leggere news!

E che cazzo, non ci sta bene mai niente, adesso possiamo vedere un bel film o un cartone sul frecciarossa, meglio di così! -.-''

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.