matteozolt

ragazzi.. ma ne vogliamo parlare?

111 posts in this topic

http://velospace.org/node/40161

dioffà..

ma io mi sto seriamente chiedendo: come fanno a taiwan, in indonesia, o in questi stati dell'estremo oriente e in pieno sviluppo economico (giappone escluso) ad avere delle bici così??

spesso mi è capitato di vedere foto di fissati indonesiani con dodici e cinelli montati da far paura (ruote in carbonio, hed3 a profusione, componentistica campagnolo ecc).. io mi sto chiedendo.. ma come fanno? come fanno ad avere dei mostri del genere se fino a una decina d'anni fa dovevamo mandare loro le offerte perchè erano paesi del terzo mondo? e poi, dove le tengono?

http://velospace.org/node/35815 questo è di jakharta

http://velospace.org/node/2393 questo di honk hong

http://velospace.org/node/36230

http://velospace.org/node/38800 la look 464 e il vigo sono di un tipo di seoul, corea

http://velospace.org/user/51676 questo tipo di jakharta ha due cinelli mash (di cui un histogram) due eddy mercks pista, una njs e altre..

boh, sono solo esempi.. però è pazzesco quanto siano stranamente ricchi e presi bene!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho venduto un tommasini pista, a una cifra spropositata proprio a uno di jakharta, son figli dei nuovi ricci, per la maggior parte costruttori edili

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bene o male in proporzione mi torna che tanti in oriente abbiano bici così: sono molti di più rispetto a noi, pochi usano l'auto (hanno quindi più soldi da investire), amano i prodotti occidentali, e comunque sono una minoranza quelli con bici così belle. Poi quello col Vigo e il Look è un Pistard, quindi è normale che abbia bici così costose.

Edited by fixedalvuz (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

guarda tra le nazioni da te citate giusto l'indonesia non è un posto così ricco o comunque economicamente sviluppato ma la gente che sta bene c'è anche li e una volta che sei ricco li puoi avere tutto , korea e HK sono nel campo del design, mode, street , decisamente sviluppati e posti (soprattutto hk) ben meno "provinciali" della nostra italia, mentre vedendo il set per le foto dell'indonesia è semplicemente una persona ricca del luogo con la passione per le bici belle. poi dove recuperino tutta la roba di pregio è difficile a dirsi ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

E comunque, se ti guardi intorno sul forum (quasi tutto di Italiani) ci sono varie bici allo stesso livello di quelle!

Share this post


Link to post
Share on other sites

guarda tra le nazioni da te citate giusto l'indonesia non è un posto così ricco o comunque economicamente sviluppato ma la gente che sta bene c'è anche li e una volta che sei ricco li puoi avere tutto , korea e HK sono nel campo del design, mode, street , decisamente sviluppati e posti (soprattutto hk) ben meno "provinciali" della nostra italia, mentre vedendo il set per le foto dell'indonesia è semplicemente una persona ricca del luogo con la passione per le bici belle. poi dove recuperino tutta la roba di pregio è difficile a dirsi ;)

nulla da dire, ma quelli che hanno delle bici così sono lo 0,1% se va bene, il resto della gente muore di fame per strada! fidati che in quei posti lì ci sono stato e i veri ricchi sono davvero pochissimi.. poi è pazzesco, va bene che loro usano meno la macchina e hanno più soldi da investire, ma hanno delle bici fottutamente costose e rare! il colnago pursuit che ho linkato è un pezzo più unico che raro!

Share this post


Link to post
Share on other sites

E comunque, se ti guardi intorno sul forum (quasi tutto di Italiani) ci sono varie bici allo stesso livello di quelle!

si ok, ma qua sul forum quelli che hanno delle bici del genere sono ben pochi.. lì sembra che ce ne siano un bel po'!

Share this post


Link to post
Share on other sites

guardatevi il pursuit colnago.. è pura pornografia! ha tutti pezzi NOS e praticamente introvabili! date un'occhiata alla corona della guarnitura, alla sella campagnolo (!!!) e a tutti i dettagli.. su quella bici c'avrà speso 5mila euro abbondanti se non forse 10mila!

Share this post


Link to post
Share on other sites

E non confondiamo le città con la campagna. In città è piú probabile che ci siano ricchi, l'Indonesia è anche un posto estremamente vario come popolazioni. Di certo non troverai gli stessi standard di vita a Aceh rispetto a Bali (per dirne una).

Seoul è in Corea del Sud. Da quando la Corea del Sud è un posto disastrato? Lo stesso vale per Hong Kong.

Tornando all'Indonesia, è un paese che ha anche industrie e imprenditori, non dimentichiamo il turismo in molte zone che porta soldi. E sí, ci sono anche i nuovi ricchi.

Big up per gl'indonesiani, che almeno si comprano una bici costosa e poi pedalano rispetto ai nuovi ricchi russi che ordinano da mangiare per 5 e poi buttano via tutto.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

matteo guarda sono stato in tutti i posti da citati(korea esclusa) visto che il viaggio e la fotografia di reportage sono due delle mie passioni :D (vedi link in firma) , ma il concetto è quello dei 3 sceicchi del petrolio con 500 macchine che valgono milioni l'una e il popolo poi fa la rivoluzione nelle piazze perchè crepa di fame ovviamente molto meno estremo nel caso dell'indonesia, coi soldi in certi posti si ottiene tanta roba che nemmeno noi italiani riusciamo a reperire facilmente, poi in alcuni luoghi dove la vita può costare molto cara comprarsi un cinelli laser costa meno che la metà di un metro quadro nella propria città (vedi tokyo hong kong seul) :).

se per quello ho trovato delle fisse, molto meno di pregio ovviamente, anche in posti dove è un suicidio solo girare a piedi nel traffico e dove la gente cucina con l'acqua piovana (hanoi, cebu, etc), in asia c'è la cultura della bici, e le fisse vanno di moda anche li tra i giovani, poi eissitono i ricchi e l'equazione è fatta :D

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non immagini neanche quanti soldi girino da quelle parti.

Paesi come la Cina viaggiano sul 12% del PIL ogni anno. Immagina una nazione con quasi un miliardo e mezzo di abitanti e 60 milioni di milionari che quasi non sanno cosa farsene dei quattrini.

Ricordo un cinese che comprava bottiglie francesi solo sopra i 1500 Euro e quando andavi a cena da lui diceva: scegli tu in cantina perché io di vini non capisco niente (e giù di Vosne Romanee e Chateau Latour).

In oriente c'è molta gente con tanti soldi da spendere e se sono appassionati di biciclette, non avendo una storia di telaisti e produttori come noialtri si imbarcano in ebay e cacciano gran soldi per pezzi che dalle nostre parti sono "quasi" comuni.

Magari comprano meno in Giappone perché diciamo che tra tutti gli orientali, specie da quelle parti, sono i meno simpatici.

E se togli il Giappone nel vintage da pista che paese rimane?

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

E comunque, se ti guardi intorno sul forum (quasi tutto di Italiani) ci sono varie bici allo stesso livello di quelle!

si ok, ma qua sul forum quelli che hanno delle bici del genere sono ben pochi.. lì sembra che ce ne siano un bel po'!

Considera che un pochi sono collezionisti (come Pherrill'o e Squarenoise); poi ci sono Renatiello e Malnatt e Fra78 che sono pistard; poi c'è Piergiorgio, poi Stoky, poi vari Mash di cui ho perso il conto, Gurkha e Paolenji e GD75 che non postano in gallery ma hanno pornobici assurde... ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

matteo guarda sono stato in tutti i posti da citati(korea esclusa) visto che il viaggio e la fotografia di reportage sono due delle mie passioni :D (vedi link in firma) , ma il concetto è quello dei 3 sceicchi del petrolio con 500 macchine che valgono milioni l'una e il popolo poi fa la rivoluzione nelle piazze perchè crepa di fame ovviamente molto meno estremo nel caso dell'indonesia, coi soldi in certi posti si ottiene tanta roba che nemmeno noi italiani riusciamo a reperire facilmente, poi in alcuni luoghi dove la vita può costare molto cara comprarsi un cinelli laser costa meno che la metà di un metro quadro nella propria città (vedi tokyo hong kong seul) :).

se per quello ho trovato delle fisse, molto meno di pregio ovviamente, anche in posti dove è un suicidio solo girare a piedi nel traffico e dove la gente cucina con l'acqua piovana (hanoi, cebu, etc), in asia c'è la cultura della bici, e le fisse vanno di moda anche li tra i giovani, poi eissitono i ricchi e l'equazione è fatta :D

stima per te che oltre ad essere un fissato sei anche un fotografo, collega! :D

però mi fa davvero strano.. ok che vanno da sempre in bici, ok che tra i giovani vanno di moda le fisse, però vedere un colnago pista montato campagnolo (e con quali pezzi poi!!) in indonesia è sorprendente!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non immagini neanche quanti soldi girino da quelle parti.

Paesi come la Cina viaggiano sul 12% del PIL ogni anno. Immagina una nazione con quasi un miliardo e mezzo di abitanti e 60 milioni di milionari che quasi non sanno cosa farsene dei quattrini.

Ricordo un cinese che comprava bottiglie francesi solo sopra i 1500 Euro e quando andavi a cena da lui diceva: scegli tu in cantina perché io di vini non capisco niente (e giù di Vosne Romanee e Chateau Latour).

In oriente c'è molta gente con tanti soldi da spendere e se sono appassionati di biciclette, non avendo una storia di telaisti e produttori come noialtri si imbarcano in ebay e cacciano gran soldi per pezzi che dalle nostre parti sono "quasi" comuni.

Magari comprano meno in Giappone perché diciamo che tra tutti gli orientali, specie da quelle parti, sono i meno simpatici.

E se togli il Giappone nel vintage da pista che paese rimane?

hai ragione.. è vero che c'è certa gente che compra a muzzo non capendone un cazzo (che secondo me dovrebbe solo morire), però c'è anche certa gente che ne capisce, e non poco! il tipo del colnago doveva conoscere ogni singolo pezzo campagnolo uscito nella storia del ciclismo per sapere quale comprare..

Share this post


Link to post
Share on other sites

hai ragione.. è vero che c'è certa gente che compra a muzzo non capendone un cazzo (che secondo me dovrebbe solo morire), però c'è anche certa gente che ne capisce, e non poco! il tipo del colnago doveva conoscere ogni singolo pezzo campagnolo uscito nella storia del ciclismo per sapere quale comprare..

Quello era un esempio.

In realtà i collezionisti e appassionati orientali sono mediamente molto preparati e grandi amanti delle cose vintage di oltreoceano. Inoltre hanno spesso ottime disponibilità economiche che gli permettono di comprarsi il meglio come quel Colnaghetto. Di quelli se ne trovano anche da noi, e parecchi, ma è chiaro che se uno deve metterlo in vendita preferisce il collezionista asiatico disposto a pagare il doppio del nostro mercato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.