legnogrezzo

Pogliaghi Sante Milano

65 posts in this topic

Vorrei anche un vostro parere (non la voglio comprare sia chiaro):

http://www.ebay.it/itm/VINTAGE-POGLIAGHI-TRACK-FRAME-PISTA-CAMPAGNOLO-MASI-DE-ROSA-CINELLI-COLNAGO-58-/230706793178?pt=LH_DefaultDomain_0&hash=item35b7324ada#ht_23826wt_1026

A me pare che il restauro, chiunque l'abbia fatto, non sia perfetto. Ma bisognerebbe sentire il nostro Pogliaghi. Voi che dite?

Share this post


Link to post
Share on other sites

è di dodici sto telaio! è rimasto invenduto da una vita!

Share this post


Link to post
Share on other sites

per quel poco che ci capisco, da molto fastidio il fatto che tutte le cromature siano state verniciate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bisogna vedere in che condizioni si presentava il telaio prima del restauro...poi non ci vedo nulla di scandaloso,il colore è coerente, le decal sembrano le sue, spetterà a chi compra deciderne la perfezione o meno, in questo caso un collezionista o un appassionato del marchio potrà dire che non rispecchia i criteri dell'epoca e non comprarlo...io per esempio,da niubbo quale sono, ci vedo solo un gran bel telaio... :-)

2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bisogna vedere in che condizioni si presentava il telaio prima del restauro...poi non ci vedo nulla di scandaloso,il colore è coerente, le decal sembrano le sue, spetterà a chi compra deciderne la perfezione o meno, in questo caso un collezionista o un appassionato del marchio potrà dire che non rispecchia i criteri dell'epoca e non comprarlo...io per esempio,da niubbo quale sono, ci vedo solo un gran bel telaio... :-)

cosa significa "bisogna vedere in che condizioni si presentava il telaio prima del restauro" ?!?

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il restauro si fa conservativo o totale ma che sia coerente, molto coerente, dato che una Pogliaghi non è una bici da 4 soldi.

Ma poi, e forse sbaglio, ci vorrebbe l'esperto, non mancano le pantografie PSM sull'attacco pendini?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il restauro si fa conservativo o totale ma che sia coerente, molto coerente, dato che una Pogliaghi non è una bici da 4 soldi.

Ma poi, e forse sbaglio, ci vorrebbe l'esperto, non mancano le pantografie PSM sull'attacco pendini?

quella c'è per fortuna, ma dopo esser stato punzonato "volpe1" il dubbio che anche altre punzonature siano state aggiunte, sorge spontaneo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

il numero di serie "9676" fa presupporre che si tratta di un telaio del 1975/1976.

in quel periodo le decals erano solo sul tubo obliquo, mentre sul tubo verticale c'erano le due fasce (sopra e sotto) e al centro lo scudetto "Italcorse".

così per capirci: http://www.classicrendezvous.com/Italy/Pogliaghi/Poglia_PetryO.html

inoltre la testa della forcella (solo quella) dovrebbe essere cromata.

lo stesso scudo dovrebbe essere sulla testa del tubo sterzo (ma quello non è stato installato, c'è scritto)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il restauro si fa conservativo o totale ma che sia coerente, molto coerente, dato che una Pogliaghi non è una bici da 4 soldi.

Ma poi, e forse sbaglio, ci vorrebbe l'esperto, non mancano le pantografie PSM sull'attacco pendini?

non tutte le pendine erano pantografate. in quel periodo specialmente, così come si evince dalle innumerevoli bici del periodo:

http://www.classicrendezvous.com/Italy/Pogliaghi/Pogliaghi_main.htm

se qualcuno trova il vecchio annuncio di vendita del telaio si vedono tutte le foto, in risoluzione migliore.

bisognerebbe misurare i pendini che scendono dalla testa della congiunzione sella ai forcellini.

la misura dovrebbe essere 16mm al massimo 16,5mm.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bisogna vedere in che condizioni si presentava il telaio prima del restauro...poi non ci vedo nulla di scandaloso,il colore è coerente, le decal sembrano le sue, spetterà a chi compra deciderne la perfezione o meno, in questo caso un collezionista o un appassionato del marchio potrà dire che non rispecchia i criteri dell'epoca e non comprarlo...io per esempio,da niubbo quale sono, ci vedo solo un gran bel telaio... :-)

cosa significa "bisogna vedere in che condizioni si presentava il telaio prima del restauro" ?!?

Che, secondo me, non si può valutare un lavoro senza sapere quale fosse il punto di partenza, mi spiego meglio: se il telaio fosse stato trovato in una cantina pieno di ruggine, rendendo impossibile sapere come si presentasse all'epoca in cui fù saldato,quindi senza sapere dove e come mettere cromature,un restauro come questo sarebbe già più che buono.

Se invece il telaio si presentava ,nel momento del ritrovamento, in condizioni che potevano permettere un restauro conservativo, magari ritoccando la vernice nei pochi punti in cui era saltata e spagliettando le cromature per farle tornare lucenti e invece il ritrovatore, per non saper ne leggere ne scrivere l'ha riverniciato completamente, beh in questo caso sarebbe un restauro fatto male...tutto qui, spero di aver chiarito il mio punto di vista... :-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che, secondo me, non si può valutare un lavoro senza sapere quale fosse il punto di partenza, mi spiego meglio: se il telaio fosse stato trovato in una cantina pieno di ruggine, rendendo impossibile sapere come si presentasse all'epoca in cui fù saldato,quindi senza sapere dove e come mettere cromature,un restauro come questo sarebbe già più che buono.

Se invece il telaio si presentava ,nel momento del ritrovamento, in condizioni che potevano permettere un restauro conservativo, magari ritoccando la vernice nei pochi punti in cui era saltata e spagliettando le cromature per farle tornare lucenti e invece il ritrovatore, per non saper ne leggere ne scrivere l'ha riverniciato completamente, beh in questo caso sarebbe un restauro fatto male...tutto qui, spero di aver chiarito il mio punto di vista... :-)

posso essere d'accordo con te su un telaio di PIPPO BAUDO BIKE ma non su un Pogliaghi, del quale si hanno riferimenti, registri, stesure, trattati, Bibbie e Divine Commedie.

2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il restauro si fa conservativo o totale ma che sia coerente, molto coerente, dato che una Pogliaghi non è una bici da 4 soldi.

Ma poi, e forse sbaglio, ci vorrebbe l'esperto, non mancano le pantografie PSM sull'attacco pendini?

non tutte le pendine erano pantografate. in quel periodo specialmente, così come si evince dalle innumerevoli bici del periodo:

http://www.classicre...liaghi_main.htm

se qualcuno trova il vecchio annuncio di vendita del telaio si vedono tutte le foto, in risoluzione migliore.

bisognerebbe misurare i pendini che scendono dalla testa della congiunzione sella ai forcellini.

la misura dovrebbe essere 16mm al massimo 16,5mm.

Scusa Angelo ma ho scritto male io. Intendevo le scritte PSM sopra l'attacco pendini, e quelle ci sono, visto dopo. Tu parli della scritta Pogliaghi sulle pendine. Giusto?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.