tommasoc

tommasini

11 posts in this topic

Sicuramente molto bello e curato:

Il problema è il solito: per "ribadire il 100% italiano", come scrivono loro per questa bici, ribadiranno anche il solito prezzo che provoca la solita risatina quando lo si legge sullo schermo.

Ormai su sto made in italy ci marciano tutti, e troppo.

Anche a me piace il telaio italiano, non fosse altro per il mio spiccato campanilismo; però basta dai, lo sanno tutti che tanto se uno vuole fare le cose bene può farlo in italia come in giappone o negli states, smettiamola di mangiarci sopra.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sicuramente molto bello e curato:

Ormai su sto made in italy ci marciano tutti, e troppo.

Anche a me piace il telaio italiano, non fosse altro per il mio spiccato campanilismo; però basta dai, lo sanno tutti che tanto se uno vuole fare le cose bene può farlo in italia come in giappone o negli states, smettiamola di mangiarci sopra.

Non sono pienamente d'accordo con te. Alla fine i prezzi sono abbastanza in linea col mercato.

Poi ultimamente sto notando che il ciclista medio (intendo bici da corsa in generale..) è disposto spesso a spendere cifre veramente folli. Ce n'è tanta di gente che sgancia millini come se fosse nulla.

Se costano quel che costano è anche perchè la domanda a quel prezzo c'è.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prezzi allineati col mercato non vuol dire prezzi equi.

Comunque in effetti hai ragione; se ci sono così tanti pirla che fanno finanziarie su finanziare per comprarsi un telaio, basta che sia made in italy, allora fanno bene a marciarci sopra a sto santo made in italy.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il concetto di prezzo equo è relativo.

Se per prezzo equo intendi prezzo reale derivato dai costi diretti di produzione del telaio, è normale che ci sia una differenza sostanziale fra il made in italy e il non. E' chiaro che sul made in italy paghi il know-how della gente che ci mette le mani sopra e i tempi di produzione generalmente più dilatati. Un telaio orientale o di grossa produzione ha dei costi diretti sicuramente più bassi. Non per questo la qualità è necessariamente inferiore però... se si andasse a vedere cosa c'è dietro un telaio made in italy e un telaio made in cina sicuramente si capirebbe un pò meglio il gap di prezzo.

A tutto questo, mia personalissima opinione, ci si deve sommare il fatto che le case italiane non hanno assolutamente interesse a farsi concorrenza con i cinesi e company sul piano del prezzo. Di norma puntano su altro, sulla qualità e sul pregio. E' una scelta forzata anche dal nostro sistema economico e dalle nostre tradizioni.

Io non ce li spendo tanti soldi sulle bici e sono ancora studente universitario quindi non ce li ho per niente :)

Non considero però pirla quelli che si comprano un mezzo made in italy. Secondo me è una scelta compresibile come ritengo comprensibile la scelta di miei amici che preferiscono prendersi una ducati piuttosto che una kawasaki o una honda. Spesso hanno meno cavalli ma hanno una serie di piccoli accorgimenti e finezze che spesso (non sempre) all'estero non trovi.

E comunque siamo italiani cazzo, almeno sulle cose che si fanno bene, supportiamo i locals :)

Opinione personale eh :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti io considero ho considerato dei pirla coloro che fanno prestiti e finanziare pur di avere un telaio made italy quando senza fare tutto ciò ne potrebbero avere uno giapponese; se poi hai il grano vero un millino in più o in meno che ti cambia.

Ci sarebbe poi da valutare un altro aspetto: tu (tu generico), ti compri un telaio made in italy, lo paghi in due anni etc etc....; hai voluto quello perchè dici che è più curato; ma alla fine non capisci un cazzo di meccanica, metallurgia, lavorazione dei metalli etc....; per te una saldatura ad elettrodo del fabbro è uguale ad una sotto argon, una lega dell'acciaio vale l'altra perchè non sai neanche quali sono i parametri per valutare un acciaio.

Allora, visto che ciò vale per il 90% degli acquirenti io mi chiedo: che minchia te lo compri a fare?

semplice, perchè è fatto in italia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

hai voluto quello perchè dici che è più curato; ma alla fine non capisci un cazzo di meccanica, metallurgia, lavorazione dei metalli etc....; per te una saldatura ad elettrodo del fabbro è uguale ad una sotto argon, una lega dell'acciaio vale l'altra perchè non sai neanche quali sono i parametri per valutare un acciaio.

Allora, visto che ciò vale per il 90% degli acquirenti io mi chiedo: che minchia te lo compri a fare?

semplice, perchè è fatto in italia.

Si è vero però.... è un ragionamento un pò estremizzato perchè alla fine:

- chi si compra la macchina sportiva con tanti cv e la sa guidare sicuramente non la sa smontare e rimontare e in genere ci capisce poco di componenti meccanici e elettronici

- io suono la chitarra, ho varie chitarre, però non ho conoscenze da liutaio

- mi piacciono i computer, li so assemblare ma non saprei progettare o costruire un processore o una ram ecc..

L'utilizzare bene e sfruttare un oggetto spesso non è legato all'avere le conoscenze tecniche per costruirlo.

Comunque non dico che il tuo discorso è sbagliato eh.. ci sono varie sfaccettature alla fine.

Resta il fatto che secondo me i telai Tommasini sono belli.... alla fine volevo solo dire quello quando ho aperto questo topic :)

Ciao!

Share this post


Link to post
Share on other sites

questo telaio costa 1300 euro......e ti mettono una forcella da strada con foro anteriore,traversino posteriore con foro per freno...mi sembra davvero troppo eccessivo...per una replica non esattamente precisa del suo originale!!!con quei solditi compri una super vinatge su altri siti sicuramente di marche migliori e magari tutta montata campagnolo o dura ace!!!!!!!

Sicuramente molto bello e curato:

Ormai su sto made in italy ci marciano tutti, e troppo.

Anche a me piace il telaio italiano, non fosse altro per il mio spiccato campanilismo; però basta dai, lo sanno tutti che tanto se uno vuole fare le cose bene può farlo in italia come in giappone o negli states, smettiamola di mangiarci sopra.

Non sono pienamente d'accordo con te. Alla fine i prezzi sono abbastanza in linea col mercato.

Poi ultimamente sto notando che il ciclista medio (intendo bici da corsa in generale..) è disposto spesso a spendere cifre veramente folli. Ce n'è tanta di gente che sgancia millini come se fosse nulla.

Se costano quel che costano è anche perchè la domanda a quel prezzo c'è.

Share this post


Link to post
Share on other sites

attento che poi dicono che prendi i soldi da tommasini per fare pubblicità

Share this post


Link to post
Share on other sites

p.s. sai quanto costano? sembrano belli esteticamente parlando, neanche poco ;-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.