Antonio_Torino

Porta Palazzo: venditori onesti e non

79 posts in this topic

Stavo pensando di fare una lista con feedback dei vari venditori di bici e pezzi di bici a Porta Palazzo.

Se è vero che una buona parte delle bici è rubata è anche vero che molte non lo sono e spesso è possibile fare ottimi affari!

Purtroppo rimane un po' difficile identificare i vari venditori perché si spostano, ma molti sono fissi (e altri a contropedale... ahahaha -__-''')

Postate i venditori che conoscete bene e io li aggiungo man mano in questo post. Io comincio a scrivere. Se pensate che mi stia sbagliando su qualche venditore fatemelo presente!!

Via tortuosa che sbocca in via Andreis

- venditori italiani verso la fine della strada venendo da Porta Palazzo: Merce non rubata ma... quando non ne capivo molto ho comprato un paio di bici da questi signori e mi hanno fregato entrambe le volte (telai spaccati, etc...). Prezzi alti per ciò che vendono. Fa eccezione il tizio che sta tutto il giorno a riparare bici (quello con gli occhiali) che fa prezzi un po' più onesti.

Via Andreis. La strada che costeggia il cortile del maglio

- Annibale sulla sinistra, 50 metri dopo l'ingresso venendo da Porta Palazzo: probabilmente il più fornito dell'intero mercato. Merce non rubata (stock di negozi a quanto ho capito), pezzi usati dallo Shimano scrauso fino al Campagnolo top di gamma. Prezzi ottimi e non trattabili.

- Tizio+moglie sulla destra, subito l'ingresso venendo da Porta Palazzo: Merce non rubata secondo me. Altri non sono d'accordo (leggere 3d). Vende solo pezzi buoni di media-alta gamma. Prezzi abbastanza buoni e poco trattabili.

- tizio di fronte ad Annibale: italiano con merce a volte legale "da cantina" a volte aumma aumma. Tipo una volta vendeva una bici del bike-sharing malamente riverniciata -__-''' Prezzi bassi e trattabili.

- tizio con 8000 bici più o meno in mezzo alla via, nordafricano con gli occhiali: non ho ancora capito se vende bici buone o rubate. Prezzi alti e non so quanto trattabili.

- tizio con 5-6 bici sulla destra, subito dopo che la strada di restringe: anche qua non riesco a capire la provenienza di tutte le bici ma so PER CERTO che ALMENO qualcuna è di origine legale (leggere post #12). Prezzi bassi e poco trattabili.

- tizi vari (nordafricani/italiani tamarri o tossici) che si mettono alla fine di via Arneis con qualche bici, senza bancarella: bici assolutamente rubate. Prezzi non saprei.

Parcheggio tra via Cirio e Strada del Fortino. Insomma la piazza alla fine di Via Arneis

Qua le bici sono tutte rubate. Ma ci sono alcune eccezioni:

- venditori italiani subito sulla destra, venendo da via Arneis: roba da cantina. Ci puoi trovare dai rottami ma anche qualche pezzo Campagnolo. Prezzi ottimi e poco trattabili.

- venditori italiani nell'angolo in fondo, venendo da via Arneis e rimanendo sulla sinistra: Merce non rubata. Prezzi non so.

Edited by Antonio_Torino (see edit history)
3 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Via Andreis. La strada che costeggia il cortile del maglio

- Annibale sulla sinistra, 50 metri dopo l'ingresso venendo da Porta Palazzo: probabilmente il più fornito dell'intero mercato. Merce non rubata (stock di negozi a quanto ho capito), pezzi usati dallo Shimano scrauso fino al Campagnolo top di gamma. Prezzi ottimi e non trattabili.

L'ho visto personalmente vendere un alan grigio ad un ragazzo per 40 euro mi pare.

Ho visto il ragazzo tornare dopo 10 minuti mostrando che il telaio era chiaramente criccato in corrispondenza del tubo sterzo (tanto per capirci dal lato dove si mettono gli stemmi).

Ho sentito lui argomentare che il problema sarebbe stato tale se la cricca fosse stata nel lato opposto perchè li si concentravano gli sforzi (ma che simpaticone sto telaio...si va a rompere dal lato dove gli sforzi non si concentrano)

Alla fine gli ha ritornato indietro i soldi.

Il 90% della roba che ha è ferraglia, roba vecchia, in generale non proprio messa benissimo dal punto di vista meccanico ed estetico.

Il rimanente 10 % della componentistica la tiene richiusa nella teca trasparente, o davanti a lui ed è per lo più costituito da cambi campagnolo deragliatori e qualche corpo freno e guarniture.

Dietro di lui tiene qualche telaio e qualche ruota.

Prezzi: il buono che ha di certo non lo regala ma si possono fare ottimi affari a patto di essere smaliziati, e tenere gli occhi aperti su cosa vi sta vendendo.

Sulla provenienza della merce comunque non ho dubbi: mi sembra legale.

- tizio di fronte ad Annibale: italiano con merce a volte legale "da cantina" a volte aumma aumma. Tipo una volta vendeva una bici del bike-sharing malamente riverniciata -__-''' Prezzi bassi e trattabili.

Guardatelo in faccia e accetterete che la fisiognomica è una scienza esatta. Questo qua non vedrà mai da me un solo centesimo, e vi invito caldamente a fare lo stesso: se la cosa non vi convince immaginate di avere la vostra bella bici da corsa, poniamo un telaio cinelli in alluminio di un bell'arancio fuoco metallizzato; bene, immaginate che la vostra bici venga rapinata e stuprata, e pensate il telaio che tanto amavate con alcuni punti di verniciatura evidentemente scrostati sotto l'azione di qualche colpo non accidentale, immaginatelo "asperso" (così come si fa con l'acqua durante una benedizione) di vernice rosso arancio e montato con movimento centrale a chiavella, serie sterzo filettata su un telaio che vuole una serie sterzo non filettata e forca verniciata "a bagno" con l'attacco per la dinamo...manubrio tipo graziella...Fatto?

Bene, adesso spostatevi avanti di una settimana e rivedrete lo stesso telaio verniciato a bomboletta di un blu-viola-grigio che peggio colore non si poteva prendere, con una bella decal bianchi sul tubo sterzo...con l'area trasparente bene in vista ovviamente, che una bomboletta trasparente costa troppo.

Prezzo bomba per il solo telaio: 25 euro senza forca.

Se vi mettete li' 2 minuti a guardare con curiosità il telaio e poi ve ne andate senza acquistarlo, senza nessuna vergogna vi chiederà anche perchè non lo volete, dato che il prezzo è ottimo.

Edited by SilentWing (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono appena tornato dal mercato.

Lista acquisti: sella in plasticone di marca "Special", imitazione Unicator, per 2 euro :D

Di sospette c'erano una Gios taglia 52 montata Veloce e un Atala in alluminio da corsa che ho visto passare di sfuggita in mano ad un marocchino.

Poi l'italiano a inizio di via Andreis aveva due bici carine (non rubate direi) ma per me overpriced (e non c'avevo manco soldi). Un telaio in acciaio misura circa 58 con cerchi Campagnolo Atlanta 96, gruppo Campagnolo Gran Sport a 220 euro, e una bici non ben identificata taglia piccola con coppia di ruote FIR carbonio a sei razze a 350 euro. Peccato che le ruote in carbonio non fossero proprio perfette.

Annibale aveva un telaio Wilier Triestina in acciaio moooolto bello taglia sui 52-54 ma non so il prezzo.

Imbucata nello spiazzo dietro Annibale una Whistle con gruppo Campagnolo Xenon e qui non saprei stabilire la provenienza della bici.

Buon giro a tutti!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono appena tornato dal mercato.

Lista acquisti: sella in plasticone di marca "Special", imitazione Unicator, per 2 euro :D

Di sospette c'erano una Gios taglia 52 montata Veloce e un Atala in alluminio da corsa che ho visto passare di sfuggita in mano ad un marocchino.

Poi l'italiano a inizio di via Andreis aveva due bici carine (non rubate direi) ma per me overpriced (e non c'avevo manco soldi). Un telaio in acciaio misura circa 58 con cerchi Campagnolo Atlanta 96, gruppo Campagnolo Gran Sport a 220 euro, e una bici non ben identificata taglia piccola con coppia di ruote FIR carbonio a sei razze a 350 euro. Peccato che le ruote in carbonio non fossero proprio perfette.

Annibale aveva un telaio Wilier Triestina in acciaio moooolto bello taglia sui 52-54 ma non so il prezzo.

Imbucata nello spiazzo dietro Annibale una Whistle con gruppo Campagnolo Xenon e qui non saprei stabilire la provenienza della bici.

Buon giro a tutti!

100 euro, gia venduto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono appena tornato dal mercato.

Lista acquisti: sella in plasticone di marca "Special", imitazione Unicator, per 2 euro :D

Di sospette c'erano una Gios taglia 52 montata Veloce e un Atala in alluminio da corsa che ho visto passare di sfuggita in mano ad un marocchino.

Poi l'italiano a inizio di via Andreis aveva due bici carine (non rubate direi) ma per me overpriced (e non c'avevo manco soldi). Un telaio in acciaio misura circa 58 con cerchi Campagnolo Atlanta 96, gruppo Campagnolo Gran Sport a 220 euro, e una bici non ben identificata taglia piccola con coppia di ruote FIR carbonio a sei razze a 350 euro. Peccato che le ruote in carbonio non fossero proprio perfette.

Annibale aveva un telaio Wilier Triestina in acciaio moooolto bello taglia sui 52-54 ma non so il prezzo.

Imbucata nello spiazzo dietro Annibale una Whistle con gruppo Campagnolo Xenon e qui non saprei stabilire la provenienza della bici.

Buon giro a tutti!

Ho visto anche io quel telaio con le fir in carbonio,mi son messo li a parlare 2 minuti e sono arrivato alla conclusione che non comperò mai cose da questo vecchietto. Di mattina aveva dei freni campagnolo delta che vendeva a 50 euro (chiaramente nemmeno lui sapeva cosa aveva in mano). Mi ha sempre insospettito questo bancone sia per la merce super-rara che ha ,sia perchè non c'è sempre,sia perchè proprio la settimana scorsa una persona di fiducia mi disse : occhio perchè nemmeno lui sa da dove proviene quella roba....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono appena tornato dal mercato.

Lista acquisti: sella in plasticone di marca "Special", imitazione Unicator, per 2 euro :D

Di sospette c'erano una Gios taglia 52 montata Veloce e un Atala in alluminio da corsa che ho visto passare di sfuggita in mano ad un marocchino.

Poi l'italiano a inizio di via Andreis aveva due bici carine (non rubate direi) ma per me overpriced (e non c'avevo manco soldi). Un telaio in acciaio misura circa 58 con cerchi Campagnolo Atlanta 96, gruppo Campagnolo Gran Sport a 220 euro, e una bici non ben identificata taglia piccola con coppia di ruote FIR carbonio a sei razze a 350 euro. Peccato che le ruote in carbonio non fossero proprio perfette.

Annibale aveva un telaio Wilier Triestina in acciaio moooolto bello taglia sui 52-54 ma non so il prezzo.

Imbucata nello spiazzo dietro Annibale una Whistle con gruppo Campagnolo Xenon e qui non saprei stabilire la provenienza della bici.

Buon giro a tutti!

Ho visto anche io quel telaio con le fir in carbonio,mi son messo li a parlare 2 minuti e sono arrivato alla conclusione che non comperò mai cose da questo vecchietto. Di mattina aveva dei freni campagnolo delta che vendeva a 50 euro (chiaramente nemmeno lui sapeva cosa aveva in mano). Mi ha sempre insospettito questo bancone sia per la merce super-rara che ha ,sia perchè non c'è sempre,sia perchè proprio la settimana scorsa una persona di fiducia mi disse : occhio perchè nemmeno lui sa da dove proviene quella roba....

I delta a 50 euro me li ero persi. Comunque il resto dei prezzi che fa non sono così bassi... boh!

Share this post


Link to post
Share on other sites

discussione interessantissima, grazie per i contributi!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non saprei, io rimango scettico... Ha sempre cose super rare come le FIR in carbonio, freni delta, altre volte guarniture campa record, shamal...etc etc

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì ma le FIR in carbonio erano in condizioni pietose con schegge mancanti sulla pista frenante e mi parevano anche scheggiate vicino alla valvola

Le Shamal mai viste. Aveva degli Atlanta 96 ma li vendeva al loro prezzo montati su una bici mediocre.

Poi boh, tutto può essere, però se dovessi fare una classifica tra i venditori a Porta Palazzo io lo metterei tra i meno sospetti :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

non mi toccate Annibale

Di grazia, ci spieghi perchè non va toccato?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aggiornamento su:

- tizio con 5-6 bici sulla destra, subito dopo che la strada di restringe: anche qua non riesco a capire la provenienza delle bici. Prezzi bassi e non so quanto trattabili.

Era là con un mio amico domenica (si mette nell'angolo destro della piazza venendo da via Milano) e questo mio amico adocchia una bici che gli piace da questo venditore marocchino. Chiediamo informazioni sulla provenienza della bici e il venditore mi dice che la sta vendendo per conto di un suo vicino. La mia faccia era tipo questa --> :dry:

Il mio amico comunque si fida e decide di comprare. Dopo due passi, guarda un po', si avvicina un signore italiano sui 65 anni che dice che la bici era la sua e l'aveva davvero data al venditore in conto vendita. E poi ci racconta tutta una storia sulla bici in questione che era di famiglia da anni, etc...

Insomma, se fosse stata rubata non credo che qualcuno si sarebbe avvicinato a raccontar balle DOPO la vendita quindi la bici senz'altro non è rubata (oppure sto tizio italiano è proprio scemo :D).

Poi sulle altre bici che ha in vendita non so. Ho chiesto e m'ha detto che svuota cantine.

In ogni caso un punticino in più per questo venditore :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

annibale è la persona piu' seria che c'è al mondo.Mi ha procurato iul mio telaio sannino, che in questi giorni sto montando con un c record misto chorus anni 90...........

Share this post


Link to post
Share on other sites

annibale è la persona piu' seria che c'è al mondo.Mi ha procurato iul mio telaio sannino, che in questi giorni sto montando con un c record misto chorus anni 90...........

Edited by SilentWing (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aggiornamento su:

- tizio con 5-6 bici sulla destra, subito dopo che la strada di restringe: anche qua non riesco a capire la provenienza delle bici. Prezzi bassi e non so quanto trattabili.

Era là con un mio amico domenica (si mette nell'angolo destro della piazza venendo da via Milano) e questo mio amico adocchia una bici che gli piace da questo venditore marocchino. Chiediamo informazioni sulla provenienza della bici e il venditore mi dice che la sta vendendo per conto di un suo vicino. La mia faccia era tipo questa --> :dry:

Il mio amico comunque si fida e decide di comprare. Dopo due passi, guarda un po', si avvicina un signore italiano sui 65 anni che dice che la bici era la sua e l'aveva davvero data al venditore in conto vendita. E poi ci racconta tutta una storia sulla bici in questione che era di famiglia da anni, etc...

Insomma, se fosse stata rubata non credo che qualcuno si sarebbe avvicinato a raccontar balle DOPO la vendita quindi la bici senz'altro non è rubata (oppure sto tizio italiano è proprio scemo :D).

Poi sulle altre bici che ha in vendita non so. Ho chiesto e m'ha detto che svuota cantine.

In ogni caso un punticino in più per questo venditore :)

Devo dire che ho trovato molto interessante questo topic, quindi sabato scorso ho deciso di farmi anche io un bel giretto al mercato!

Mi avvicino al venditore di cui sopra e tra le bici in vendita mi attira subito una bianchi nera (anni 70 80 credo), tenuta molto bene, freni a bacchetta, decal credo originali ecc.....ovviamente mi informo del prezzo (120 eurini trattabili) e soprattutto della provenienza: guarda caso il tipo mi dice che la vende per un suo vicino!!!!

ora, io non so che vicini abbiate voi, ma diciamo che la cosa mi pare almeno bizzarra......

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.