Sign in to follow this  
Gallistor

Da casa dello zio...

18 posts in this topic

Cazzo complimenti per lo stadietto..il velodromo sara' usato poco o niente ma il campo secondo me è usato un po di piu...

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma sta qua non è una pista da atletica?

cioè... per quel che ne so io passa un tantino di differenza...

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma sta qua non è una pista da atletica?

cioè... per quel che ne so io passa un tantino di differenza...

non hanno curve paraboliche le piste d'atletica..

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma sta qua non è una pista da atletica?

cioè... per quel che ne so io passa un tantino di differenza...

non hanno curve paraboliche le piste d'atletica..

beh... dalla foto [storta :P] le "paraboliche" non è che si notino più di tanto.

mea culpa piuttosto perché non ho visto le righe.

eppoi, diavolacci, paragonato al Monti sto qua è enooorme.

domanda ai pistard: ma una volta non c'erano dei criteri standard per costruire i velodromi?

tipo lunghezza, larghezza, inclinazione delle curve e cose così...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questo qui è il classico velodromo all'italiana di un tempo, lunghissimo (400 forse 500 metri), paraboliche basse non pensate per le gare di velocità quanto per farci correre i ragazzi.

I criteri di costruzione dei velodromi ci sono, ma c'è una sola famiglia al mondo di architetti che è degna di costruire velodromi a mio parere :D

Più corta è la pista e maggiore deve essere l'inclinazione delle paraboliche, calcolata in base alla velocità a cui i ciclisti le sfruttano. L'anno scorso a Milano all'EICMA c'era un velodromo smontabile da 166 metri se non erro: le curve erano muri verticali, perchè la forza centrifuga richiede un'altissima inclinazione per quel raggio di curvatura ridotto.

Di sicuro le curve del Vigorelli (397 metri e centimetri, poco meno dei canonici 400 di un tempo) erano (parlo putroppo al passato...) meno inclinate.

Oggi il velodromo "standard" ha una pista di 250 metri. Non ha più senso fare surplace nella velocità (i rettilinei sono troppo corti per superare e superare in curva aumenta la strada da percorrere), è cambiato totalmente il modo di correre, la corsa a punti e l'americana vedono molti più giri conquistati e sono forse più frizzanti di un tempo. E' quasi un altro sport insomma!

Qui a meno di 2km da casa ho un velodromo (appena risistemato alla buona, speriamo) di 287 metri (7 giri per 2km): se giri ai 40 all'ora in curva ti pare di venir sparato fuori... le curve infatti sono troppo basse, ma tanto lo usano (si fa per dire, negli ultimi anni sempre deserto) solo i ragazzini.

Share this post


Link to post
Share on other sites

lanerossi tu che sei imparato

le curve si chiamano davvero "paraboliche" oppure è solo un abuso di linguaggio?

ad esempio le curve della pista ad alta velocità di monza vengono erroneamente chiamate paraboliche ma di parabolico non hanno nulla (e la matematica non è un opinione ;-) ) mentre la parabolica è la curva prima del rettilineo perchè appunto ha una forma a parabola

tenx

Share this post


Link to post
Share on other sites

La maggioranza dei velodromi (è richiesto per le corse internazionali se non sbaglio) ha un andamento lineare nella pendenza. Tre velodromi in Italia, fra cui il Mecchia di Portogruaro, hanno invece un andamento realmente parabolico.

Spero di non dire fregnacce...

Share this post


Link to post
Share on other sites

La maggioranza dei velodromi (è richiesto per le corse internazionali se non sbaglio) ha un andamento lineare nella pendenza. Tre velodromi in Italia, fra cui il Mecchia di Portogruaro, hanno invece un andamento realmente parabolico.

Spero di non dire fregnacce...

grazie :-) adesso ho l'anima in pace

Share this post


Link to post
Share on other sites

ad esempio le curve della pista ad alta velocità di monza vengono erroneamente chiamate paraboliche ma di parabolico non hanno nulla (e la matematica non è un opinione ;-) ) mentre la parabolica è la curva prima del rettilineo perchè appunto ha una forma a parabola

tenx

mah a manza nel vecchio tracciato ai tempi giravano su paraboliche vere con le automobili

http://www.panoramio.com/photo/4919236

non so se esistono ancora, magari mi faccio un giro di perlustrazione prima o poi :-D

Share this post


Link to post
Share on other sites

ad esempio le curve della pista ad alta velocità di monza vengono erroneamente chiamate paraboliche ma di parabolico non hanno nulla (e la matematica non è un opinione ;-) ) mentre la parabolica è la curva prima del rettilineo perchè appunto ha una forma a parabola

tenx

mah a manza nel vecchio tracciato ai tempi giravano su paraboliche vere con le automobili

http://www.panoramio.com/photo/4919236

non so se esistono ancora, magari mi faccio un giro di perlustrazione prima o poi :-D

ci sono ma non sono paraboliche, nè come forma (sono dei semicerchi) nè come andamento, comunque ci sono ancora

a metà curva sono praticamente dei muri di cemento, grattare i pedali è il minimo :-)

ci entri dalla porta dell'autodromo inviale mirabello nel parco ;-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Effettivamente la foto è un pò fecale però le pendenze non sono poi così dolci, in curva è bello inclinato!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oggi il velodromo "standard" ha una pista di 250 metri. Non ha più senso fare surplace nella velocità (i rettilinei sono troppo corti per superare e superare in curva aumenta la strada da percorrere), è cambiato totalmente il modo di correre, la corsa a punti e l'americana vedono molti più giri conquistati e sono forse più frizzanti di un tempo. E' quasi un altro sport insomma!

La velocità però (e non solo) ci ha perso e non solo perchè non vedi i surplace. Ormai chi parte prima vince, è quasi impossibile sorpassare o prender la scia e non c'è più tattica. Diventa una gara a chi sgasa di più, più o meno come nella Formula 1 moderna... :-D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oggi il velodromo "standard" ha una pista di 250 metri. Non ha più senso fare surplace nella velocità (i rettilinei sono troppo corti per superare e superare in curva aumenta la strada da percorrere), è cambiato totalmente il modo di correre, la corsa a punti e l'americana vedono molti più giri conquistati e sono forse più frizzanti di un tempo. E' quasi un altro sport insomma!

La velocità però (e non solo) ci ha perso e non solo perchè non vedi i surplace. Ormai chi parte prima vince, è quasi impossibile sorpassare o prender la scia e non c'è più tattica. Diventa una gara a chi sgasa di più, più o meno come nella Formula 1 moderna... :-D

Considerato che la parabola è fatta per rendere una circonferenza più simile a un rettilineo... praticamente una gara di dragster! Ehehehe.

La tattica la tirano fuori le alley!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.