Sign in to follow this  
Followers 0
Capiero

L'autostrada è delle bici rivoluzione in Germania contro code e smog

2 posts in this topic

Fonte: La Repubblica di lunedì 30 maggio 2011

Sarà lunga una buona sessantina di chilometri, unirà Dortmund e Duisburg, i due centri del popoloso bacino della Ruhr. È l´antico cuore industriale e operaio del paese e il centro del Nordreno-Westfalia, lo Stato più popoloso della federazione, e quindi anche il più afflitto da code e ingorghi. Per cui il governo locale si sta decidendo a estremi rimedi: la bicistrada, appunto.

Si chiamerà Radschnellweg Ruhr, o Radler B-1, non è stato ancora deciso. Per tutti i sessanta chilometri, sarà larga ben cinque metri, abbastanza - dicono gli esperti di traffico della capitale regionale Duesseldorf - per assicurare uno scorrimento veloce e senza intoppi al numeroso popolo dei pendolari che ben volentieri sceglierà la bicicletta al posto dell´auto. La bicistrada correrà quasi ovunque più o meno parallela all´autostrada federale A40, quella appunto che collega Dortmund e Duisburg, ma che da arteria di scorrimento veloce è diventata nel linguaggio popolare la "Autobahn delle lumache": troppo traffico, troppe code, troppi ingorghi e ritardi sul lavoro e al ritorno dal lavoro. E anche troppo inquinamento.

Non sono fantasie, il progetto è già varato. Il ministro dei Trasporti locale, il socialdemocratico Harry Voigtsberger, ha fretta. Il Regionalverband Ruhr, l´azienda che gestisce i trasporti urbani e regionali nell´antico bacino minerario e industriale, commissionerà uno studio di fattibilità per studiare a livello operativo costi e problemi tecnici della costruzione della bicistrada. Dovrà essere tutta asfaltata, e scorrere in piano, senza pendenze né curve strette. Non è tutto: la vogliono costruire libera da incroci salvo casi di necessità assoluta, e assicurarne l´illuminazione serale. È un progetto unico nel suo genere, dice Jens Hapke, dirigente del Regionalverband Ruhr: «Lungo il percorso tra le due città vivono almeno due milioni di persone, molte delle quali già oggi spesso preferiscono usare la bicicletta anziché l´auto per spostarsi ogni giorno da pendolari». In futuro, la bicistrada del bacino della Ruhr potrebbe fare scuola anche se già in Inghilterra ci sono esempi, ma intraurbani.

Utopie e illusioni? A Duesseldorf dicono di no. L´emergenza traffico sembra dar loro ragione: nessun´altra parte della Germania è semiparalizzata ogni giorno dalle code autostradali, che, sommate, a volte raggiungono lunghezze-record sui 340 chilometri e oltre. Il che vuol dire che, inquinamento a parte, la velocità commerciale extraurbana delle auto è scesa a medie bassissime, sui 31 km orari, poco più di metà dei 51,3 kmh della media nazionale. Disponendo di biciautostrade non si sarebbe certo più lenti. Le premesse della mobilità a pedali in Nordreno-Westfalia le hanno costruite da decenni: investimenti per 1,4 miliardi di euro, una rete di strade per bici e piste ciclabili di 7700 chilometri, scusate se è poco. (Andrea Tarquini)

6 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

in questo momento stò proprio vivendo a Duesseldorf, città a una trentina di km da Duisburg, posso dire a proposito che quà la situazione è già paradisiaca...

Ci sono centinaia di percorsi ciclabili segnalati fra tutte le città del Ruhr, percorsi a tratti pedonali/ciclabile, a tratti solo ciclabili, a tratti aperti al traffico rurale, percorsi che collegano anche gran parte delle città sul Reno, vedi, Colonia, Duesseldorf, Duisbur e Dortmund, e tutte le zone di maggiore interesse storico/turistico in una rete da centinaia e centinaia di km... il tutto è segnalato molto bene, asfalto quasi impeccabile ovunque, cavalcavia/sottopassi per attraversare le strade di maggior traffico e le ferrovie...

per non parlare delle corsie riservate alle bici che ci sono in città, che sebrano luoghi sacri, se qualche pedone o auto prova a transitarci sopra scattano gli insulti...

quindi per ora zero nostalgia delle strade hardcore italiane...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now
Sign in to follow this  
Followers 0

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.