Sign in to follow this  
Followers 0
fede

Foto di Famiglia

9 posts in this topic

ogni tanto sul forum, affiorano tra i post, mentre si ciarla di altro, riminiscenze nostalgighe su fantastici e fantomatici attrezzi a ruote dai nomi ormai dimenticati.......

bici di famiglia ereditate, la graziella con le rotelline, il "rampichino" bianchi.......la ruggine salata delle bici del mare......

io qualche storia ce l'ho..........

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma il rampichino nn era cinelli?

Share this post


Link to post
Share on other sites

yes... il modello di una ventina di anni fa era cinelli...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si! Bianchi erano le varie "ragno"...anni fa ce n'erano in giro a miliardi...ma anche oggi

mi capita di vederne alcune per strada...che mezzacci :-P

post-2770-0-93220800-1305556424_thumb.jp

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma dici tipo la dino cross rossa con la sella bi-posto tipo il bali o le esperia che pesavano come un termosifone in ghisa....e giù a razzo nelle discese...ma a risalire 18 rapporti erano pochi...peccato foto zero

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le ragno me le ricordo...ci sbavavo dietro quando avevo 13 anni... :-P

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io avevo una specie di saltafoss fake a 3 anni sulla quale ho imparato

ad andare in bici...magari in qualche album una foto si recupera, ma

non ne sarei convinto! Era tipo così ma meno figa:

post-2770-0-98028500-1305557679_thumb.jp

Share this post


Link to post
Share on other sites

rampichino cinelli a casa tutto originale suntour a parte la sella cinelli molto simile alla volare...quella è andata per colpa del babbo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

La mia prima bici che ricordo era una Chiorda modello Dingo colore giallo, praticamente una copia della mitica Saltafoss, correva l'anno 1979 regalo del mio babbo per l'esame di 5^elementare, c'era il modello anche con le marce sul tubo orizzontale, che sembrava la leva del cambio di un'Alfa Romeo,ma quella era per i figli di papà.

Ma ciò che non ho mai dimenticato le bici mod. Graziella trasformate che venivano passate da fratello a fratello come i cappotti per intenderci, molte di queste erano di provenienza incerta (rubate) private di tutto gli accessori, praticamente rimaneva il telaio,manubrio,ruote senza freni, sapete come frenavano ,mettendo la suola della scarpa sulla pista frenante della ruota anteriore, bisognava avere una certa abilità perchè come capite, il piedino poteva andare nei raggi.

In quegli anni le bici erano leggere a rapporto fisso e io in estate insieme ai miei compagni pedalavamo anche per molti km. senza stancarci più di tanto, poi sono venute le MTB a 99.000 Lire ,pesantissime e male assemblate e queste hanno allontanato le persone dalla bici, ma questa è un'altra storia...

______________________

per aspera astra.

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now
Sign in to follow this  
Followers 0

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.