Sign in to follow this  
Followers 0
Dane

Looney Toones a Sanemo...

6 posts in this topic

Sanremo bellissima, tranne che per il finale (almeno per me, visto che nessuno dei miei preferiti ha vinto...).

Abituati alla noia chic e sartriana del recente passato fatto di troppe gare radical-chic sia nella tattica che nell'atteggiamento, esce sulla roulette del casino fiorito un'edizione parecchio Settanta (sarà per il parallelo con la vittoria di Vecchioni?!...).

Ideale prosecuzione di una Tirreno-Adriatico esaltante già dai nomi dei big pertecipanti, viene però vinta da un reduce della Parigi-Nizza.

Trionfa il Diavolo della Tasmania e stavolta i fratelli Warner non c'entrano (sì, lo so, la battuta è pessima ma l'avete pensata tutti, quindi non rompete...). Matthew Goss ha le stimmate del fuoriclasse come l'Oscarito Freire con cui è parso darsi il cambio: 24 anni, già tre volte iridato su pista e vincitore della classicissima italiana under 23 per eccellenza (il Gp Liberazione di Roma).

Con lui sul podio i due ras delle gare in linea, Cancellara e Gilbert: erano i miei favoriti, ne avessi azzeccato uno mannaggia (il belga poi pare sulla strada dell'eroe sfortunato, un po' come Ettore, Annibale e Paolino Paperino Bettini.....).

Entrambi forse sorpresi dalla selezione che li ha privati, nel momento decisivo, di almeno un luogotenente a testa nel finale pirotecnico.

BicItalia conferma pregi e difetti del periodo: si rivede Ballan, ottimi Nibali e Scarponi (commoventi nel tentativo in exremis di ricucire la fuga), Pozzato come al solito nel ruolo evanescente di eterno Godot: nella Sanremo del Diavolo della Tasmania, lui fa la solita figura da Yosemite Sam che manca ancora una volta il bersaglio.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me il buon Pozzato sta dvvero iniziando a stufare...inizio a pensarre che la sua Sanremo l'ha vinta per caso...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sanremo bellissima, tranne che per il finale (almeno per me, visto che nessuno dei miei preferiti ha vinto...).

Abituati alla noia chic e sartriana del recente passato fatto di troppe gare radical-chic sia nella tattica che nell'atteggiamento, esce sulla roulette del casino fiorito un'edizione parecchio Settanta (sarà per il parallelo con la vittoria di Vecchioni?!...).

Ideale prosecuzione di una Tirreno-Adriatico esaltante già dai nomi dei big pertecipanti, viene però vinta da un reduce della Parigi-Nizza.

Trionfa il Diavolo della Tasmania e stavolta i fratelli Warner non c'entrano (sì, lo so, la battuta è pessima ma l'avete pensata tutti, quindi non rompete...). Matthew Goss ha le stimmate del fuoriclasse come l'Oscarito Freire con cui è parso darsi il cambio: 24 anni, già tre volte iridato su pista e vincitore della classicissima italiana under 23 per eccellenza (il Gp Liberazione di Roma).

Con lui sul podio i due ras delle gare in linea, Cancellara e Gilbert: erano i miei favoriti, ne avessi azzeccato uno mannaggia (il belga poi pare sulla strada dell'eroe sfortunato, un po' come Ettore, Annibale e Paolino Paperino Bettini.....).

Entrambi forse sorpresi dalla selezione che li ha privati, nel momento decisivo, di almeno un luogotenente a testa nel finale pirotecnico.

BicItalia conferma pregi e difetti del periodo: si rivede Ballan, ottimi Nibali e Scarponi (commoventi nel tentativo in exremis di ricucire la fuga), Pozzato come al solito nel ruolo evanescente di eterno Godot: nella Sanremo del Diavolo della Tasmania, lui fa la solita figura da Yosemite Sam che manca ancora una volta il bersaglio.....

tolti i toni romanzati (hahahahhaha) non posso che essere concorde.....cmq sti Australiani stanno venendo fuori alla grande.....son cazzi ormai!

Share this post


Link to post
Share on other sites

io ero in liguria.. li ho visti passare..

da non esperto di ciclismo dico che fanno paura.. è impressionante vedere la velocità che tengono..

Share this post


Link to post
Share on other sites

ieri in 24 maggio c'era questo.....

post-1786-0-63873200-1300707286_thumb.jp

Share this post


Link to post
Share on other sites

tolti i toni romanzati (hahahahhaha) non posso che essere concorde.....cmq sti Australiani stanno venendo fuori alla grande.....son cazzi ormai!

Lele perdonami, ma non ce la faccio a resistere alla tentazione dell'ironia. Sapessi scrivere in maniera seriosa da persona normale farei il giornalista... :-DDD

Edited by Dane (see edit history)
1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now
Sign in to follow this  
Followers 0

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.