Search the Community

Showing results for tags 'flame'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Fixed gear
    • Discussioni generali
    • Gallery
    • Eventi
    • Video e foto
    • Bici rubate e sistemi di sicurezza
  • Reparto tecnico
    • Consigli tecnici
    • Telai homemade, artigianato ciclistico e DIY
    • Novelli e wannabe fixed
    • Glossario della fissa
    • Recensioni e test
  • Discipline
    • Pista, velocità e allenamento
    • CX e gravel
    • Hill bombing e salite in fissa
    • Ciclismo eroico
    • Commuting e cicloturismo
    • Tricks
    • Bike polo
  • All around
    • Locals
    • Estero
  • Mercatino
    • Vendo
    • Cerco
    • Regalo
  • Off topic
    • Caffetteria
    • Presentazioni
    • Aiuti e segnalazione bug

Calendars

  • Calendario eventi
  • Criterium
  • CX / Gravel

Found 14 results

  1. Per chi si fosse perso le ultime entusiasmanti 48h di troll sofisticato nei confronti di una nota pagina facebook che pensa di fare le scarpe al forum vi invito a dare una letta: https://www.facebook.com/farflufarfar?hc_ref=NEWSFEED&fref=nf
  2. MOSER AL LAMBRO

    non me ne fotte un cazzo... Ma cristosanto, a quasi 24 ore dall'evento non c'è ancora un FLAME come si deve. Siete tutti dei rubasalami.
  3. Premetto che non ho un Laser e che sto al sesto piano (un po' in alto per portar via una bici "a mano" dal terrazzo). Sto tenendo la CX che sto montando sul terrazzo della casa a Monza dove mi sono trasferito da un mesetto, dato che non ho spazio in cantina né per tenere la bici, né per lavorarci. Qualche settimana mi ferma il custode dicendomi che "insomma... ci sono state delle lamentele perché tenete le biciclette sul balcone...". Il terrazzo è schermato per metà della lunghezza da un muretto di mattoni traforati, quindi della bici si vedono a malapena la ruota ant e il manubrio. In pratica dal dialetto di ingresso al mio balcone ci vuole giusto un cannocchiale. Comunque, come consigliato poi dal custode, ho messo un vecchio asciugamano sul manubrio per coprire "i pudori". L'altro giorno mi fermano, di nuovo, il custode e l'amministratore (fatal-combo) per dirmi che non posso proprio tenere la bici sul balcone, nemmeno con su lo straccio, perché "l'ascensore è troppo piccolo per portarci le biciclette". Al di la del fatto che sto in un palazzo della "Monza bene" (non per merito, ma perché sono disperato e mi stanno dando una mano) e che quindi i miei condomini hanno tendenzialmente il cervello di gallina, mi chiedevo se qualcuno di voi abbia o avesse avuto esperienze simili. Allo stato attuale, l'unica alternativa che ho è riportare la bici nella cantina dei miei a Milano, cosa che mi renderebbe impossibile usarla qui nei dintorni sullo sterrato. Insomma, l'avrei montata inutilmente. Soprattutto non voglio darla vinta a questi aviopenici impiccioni, per cui please aiutatemi!
  4. Flame puro negozio milanese

    ATTENZIONE IN QUESTO POST E' PRESENTE SOLO FLAME, CHIEDO A ALTRI FLAMER O GENTE CHE VUOLE FARE POLEMICA DI ASTENERSI DALLA LETTURA/SCRITTURA DI COMMENTI INUTILI, NON VENITE A DIRMI CHE HO POCHI MESSAGGI PER FARE QUESTE STORIE PERCHE' QUANDO CI VUOLE CI VUOLE. PROBABILMENTE RISCHIO IL BAN PER UN MESSAGGIO DEL GENERE, MA OK. Lunedì mi sono andato a milano per due motivi principali: visitare l'expo e un famoso negozio di biciclette per ora denominato come "Negozio X" (vi dò un indizio è un produttore di telai abbastanza famoso nel mondo delle fisse). Dopo aver fatto 3 ore di treno (130€), 30 min in metro (4,5€) e altri 20 a piedi arrivo finalmente davanti al negozio X. Ovviamente prima di dirigermi ho controllato su facebook che in negozio non fosse chiuso e il social network me lo segnalava aperto. Arrivato davanti alla porta noto le persiane (be non so come si chiamino precisamente) chiuse tranne una che è a metà, dopo 5 minuti fermo davanti la vetrina a guardare i telai noto la presenza di una persona all'interno che stava lavorando su una bici. Decido di bussare, 2 volte, entrambe le volte vengo respinto in un modo molto scortese dall'uomo. Non vi ho ancora detto cosa ci facevo al negozio: ero andato li per comprare una maglia (avevo già scelto il modello mi mancava da provare la taglia) che era appesa sopra il bancone quindi non avrei neanche dovuto cercarla. A questo momento voi mi farete una domanda più che lecita, ma non puoi comprartela nello store online? ovviamente si se non fosse per il caso che ho dei genitore con una mentalità "all'antica" quindi non vogliono che io compri online (non ho neanche paypall/postepay..). Un'altra obbiezione potrebbe essere: il negozio era chiuso quindi ha fatto bene a non aprirti, ok, certo che se uno bussa alla porta di casa mia due volte vado a vedere cosa vuole anche se stò facendo altro, magari è qualcosa di importante. Lo avrei disturbato per circa 3 minuti, tempo di mettere la maglia e pagare. Io sarei stato felice e lui averebbe guadagnato un cliente. Non mi da fastidio il fatto che il negozio fosse chiuso anzi è giusto prendersi una vacanza, mi da fastidio il modo nel quale il ragazzo mi ha liquidato senza sapere cosa volessi. Ora vi svelo il nome del negozio: dodici cilci, cioè non un negozio di bici come quello che avete sotto casa, è comunque un negozio che fa parte della comunity italiana di fixed. Questo è il mio livello di incazzatura il giorno dopo, non potete immaginare come mi giravano ieri appena dopo il fatto. Vi chiedo gentilmente di taggare il proprietario o i dipendenti del negozio per ringraziarli di persona per il loro servizio clienti.
  5. Ciao FF, nuovo forum vecchie abitudini. si al linciaggio mediatico e non. chi indovina l'owner della citazione vince una birra...
  6. E' Domenica. Essendo su fixedforum ci vuole assolutamente un flame in attesa che qualche arrivi con la sua fixie in Gallery. In genere su internet ci sono pareri molto discordanti tra melafonino e robottino verde, ovviamente applefan e androidfan. Ora mi chiedo, utenti annoiati dalla pioggia e costretti in casa su fixedforum, preferite Apple o Android? Spero questo thread possa portare qualche gradito flame domenicale. ps. applemerda
  7. http://www.surplace.it/index.php/news-and-archives/30-perche-la-pista penso che dica un po' tutto sulla discussione freno sì freno no, il cui punto principale guarda un po' è il cervello prima di tutto. per il resto smettiamola con la menata dell'imprevisto, è imprevisto e non ci son freni che tengano. andare senza freni con il cervello fa sì che ci si abitui a trovare sempre la via di fuga , cosa che con il freno non accade spesso, perché la via di fuga e il freno che non è detto che basti, soprattutto se la cosa è improvvisa. this is my 2 cents
  8. Artisti telaisti...

    ...aprendo questa discussione so già che sarà fonte d'insulti... ma chissene Svariate volte in mille mila discussioni non si è perso tempo nel criticare Cinelli e altri per "l'imperdonabile" colpa di produrre in Cina i propri prodotti, così da minimizzare il costo degli stessi e aumentare gli utili (compito di qualunque imprenditore sensato), tessendo poi le lodi degl'ottimi telaisti artigianali nostrani... Io però non sono d'accordo sul fatto che un telaio prodotto in Cina da una grande azienda che ha un controllo qualità e che non può permettersi figure di merda rischiando casini, sia peggio di uno fatto da un rinomato artigiano. Poi c'è un altro punto che tanti per non dire tutti dimenticano... Cinelli è molto probabile che le tasse le versi... Cosa non altrettanto sicura per certi maestri artigiani di cui non faccio nomi ma che per saldarti un telaio ti chiedono acconti di 600/1000 € senza rilasciarti un cazzo di scontrino, non ti rispondono più alle mail appena dopo aver avuto l'acconto e ritardano la consegna (che ti danno loro stessi) di mesi. Parlo per esperienza diretta con due dei più blasonati "telaisti" artigianali non per sentito dire... Poi l'unica volta che ho avuto una bici della taglia sbagliata uno di sti due geni me l'ha fatto "su misura" prendendomi anche la circonferenza del cazzo... Beh questi si che sono gente seria, grandi artisti!
  9. Sorry close pls

    Visto l'effetto sortito, probabilmente data la passione sfrenata per bici e custom ho pensato di unire le passioni ma ho fallito, chiederei io stesso ad @alan di cancellare tutto. Chiedo scusa. Ciao ;) Fruttolo
  10. Io ci provo ma non ci riesco. Non riesco a capire alcuni aspetti della moda, non riesco a capire come si possa abbracciare uno stile, una filosofia di vita, un quellochevoletevoi senza prima ragionarci sopra, conoscere, indagare e capire se effettivamente quella cosa "fa per me" oppure no. Io amo le bici, trekking pieghevoli mtb corsa fisse, ho provato ad assemblare una bicicletta a scatto fisso, l'ho anche presentata in gallery, ho macinato km, poi ho pensato che forse mi trovavo più a mio agio a girare singlespeed, ho trovato il rapporto giusto e mi trovo benissimo nel folle traffico. Nel frattempo mi vesto come sempre e il mio gusto estetico non è cambiato. Ogni volta che apro il forum (che per inciso è il forum che spacca di più in tutto il world wide web) compaiono a lato le foto degli utenti di instagram. Preciso subito una cosa: se una persona sceglie di iscriversi a facebook, twitter, instagram et similia e sceglie di condividere, pubblicare e rendere note al mondo le sue cose private, dopo non può minimamente rompere il cazzo se le suddette cose vengono commentate, elogiate o insultate. Detto ciò torno al discorso iniziale; va bene la moda, va bene tutto, ma alcune cose non riuscirò mai a capirle e ad accettarle. Andrebbe anche bene la posa sparata alla zoolander, le solite foto da "localaro", le citazioni a cazzo di Einstein ma secondo me il messaggio che passa è profondamente sbagliato, fuorviante e in alcuni casi anche pericoloso. Fissa senza gabbiette o straps? Sei un coglione. Ruota flip flop, quindi quando togli straps o gabbiette è perché giri con la ruota libera? Hai un solo freno, sei comunque un coglione. Bevi un sacco di longdrinks e poi giri con la bici con cui non puoi frenare? Sei un coglione. Il casco ti rovina il ciuffo-banana? Tagliati i capelli. Ok, io sono un rompicazzi e stasera avevo poco da fare e probabilmente questo mio post non aggiunge molto al discorso e forse la risposta più gettonata sarà "è solo la moda". Ma a mio avviso se qualcuno coglierà il senso delle mie parole vuoldire che non sono da solo e questo spesso mi riconcilia con il mondo, fino alla prossima notizia di un suv che uccide e trascina per km una ragazza innocente.
  11. Che carino ci cita nell'ultima riga del suo annuncio!!!! http://www.subito.it/biciclette/telaio-pista-vicini-milano-64120354.htm una domanda mi sorge spontanea: senza pantografie come fa a dire che è un Vicini? Aloha
  12. Streetcred Gallery

    Mi è venuto in mente di aprire questa gallery dove postare foto di bici con dello streetcred, ossia bici non congruenti o blasonate ma semplicemente vissute e devastate dai km, per intenderci, una gallery di bici con almeno 2000 km sulle ruote, sporche e sfregiate! Un pò perchè io stesso la bici la vedo così, un pò perchè la tendenza dell' opinione pubblica a prenderci per il culo deliberatamente non facciamo altro che fomentarla mostrando solo il pettinato! Come non pensare alla E. Merckx di Gigi, alla Fondriest di Gio, o alla Pinarello di Gangster giustappunto in cerca di un nuovo padrone che sappia onorarla, alla biga di Scienza o al mitico Colnago del Presidente, tutto pieno di banane, ed ancora, le bici degli UBM o la blue di Riky, le compiante bici di Zanzo e Sophie e chi più ne ha più ne metta... in questa gallery secondo me i like si prendono a suon di adesivi ed incongruenze luogo-temporali! Una gallery dove postare le foto dopo anni di utilizzo, non 5 minuti dopo averla finita di montare per magari rivenderla dopo un mese. Questa non è una frase critica, è del tutto lecito vendere etc, ma magari qua ci si rende conto quali cazzo sono le bici che valga la pena assemblare per usarle...
  13. Sono un assoluto estimatore di Cinelli, possiedo una Mystic. Non mi ha mai creato problemi il fatto che le aziende di bici ormai producano solo in Cina e Taiwan perchè so bene che quello è diventato il punto nevralgico della produzione mondiale, come può esserlo l'Italia per l'alta moda o il Texas per l'industria petrolifera, giusto per fare due esempi. Però, oggi alla Hoepli, sfogliando il libro "Cinelli: the art and design of the bike", ci son rimasto male a vedere che è stampato in Cina. Possibile che in Italia non si riesca più a stampare manco un libro e che Rizzoli e Cinelli non abbiano trovato manco una stamperia che riesca a produrre un libro fotografico a prezzo decente?