Search the Community

Showing results for tags 'diy'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Fixed gear
    • Discussioni generali
    • Gallery
    • Eventi
    • Video e foto
    • Bici rubate e sistemi di sicurezza
  • Reparto tecnico
    • Consigli tecnici
    • Telai homemade, artigianato ciclistico e DIY
    • Novelli e wannabe fixed
    • Glossario della fissa
    • Recensioni e test
  • Discipline
    • Pista, velocità e allenamento
    • CX e gravel
    • Hill bombing e salite in fissa
    • Ciclismo eroico
    • Commuting e cicloturismo
    • Tricks
    • Bike polo
  • All around
    • Locals
    • Estero
  • Mercatino
    • Vendo
    • Cerco
    • Regalo
  • Off topic
    • Caffetteria
    • Presentazioni
    • Aiuti e segnalazione bug

Calendars

  • Calendario eventi
  • Criterium
  • CX / Gravel

Found 99 results

  1. video fatto super bene e interessante, DEVO imparare a saldare, io seguo il canale, questo fa roba figa (ha fatto anche una cargo, gran bel video anche quello)
  2. se a qualcuno dovesse fregare come ho messo insieme questo cancro, here we are Mi era avanzato il telaio mtb bambino cui avevo prelevato il tubo sterzo per la CARGO, e un amico mi ha donato quello che è stato il suo telaio per la seconda stagione di Trackcross. Non avendo idea di cosa farci altrimenti, ho fatto due tagli per capire se fosse possibile una fusione figo e tutto ma così il centrale stava veramente basso, si sarebbe spedivellato ad ogni curva o inclinazione. per cui ho dovuto fare due prove contro il muro per capire quale dovesse essere l'inclinazione generale per garantire un mc più alto possibile (dai 300mm in su). col senno di poi avrei alzato ancora di più, un paio di cm almeno, ma anche com'è ora a 310mm non si spedivella coi pedali da bmx ho iniziato a fare due prove, fondamentalmente il problema era allineare il tubo sella. l'inclinazione dell'orizzontale l'ho fatta incidendo 3/4 di tubo, piegando a mano e puntando per far tenere li fermo tutto. stessa cosa con obliquo, infilando il telaio rosso dentro l'altro mtb perchè era piùggrande. una volta puntato si è controllato che le distanze e gli angoli fossero corrette sempre per quella cazzo di altezza del centrale. poi ho saldato delle piastre nel punti critici e bona. ho segato il resto delle appendici inutili, due mani di lucido a bonza e montato
  3. Cred's not dead

    E' fissa, l'ho fatta io, la presento qui. A seguito della CARGO DIY e della varie tallbike, mi sono ritrovato telai mezzi segati abbandonati in box, un flessibile e un saldatore li da usare. Gli angoli e le geometrie sono fatti per avere l'mc alto 310mm. Per i nerd, un 52*18 su ruota da 20x1'1/4 ha 2.89 di gear ratio e 9 skid point, che corrisponde a un 49*17. Si va abbastanza veloci e si skidda fortissimo senza problemi, per ora. Non ha senso, è stupida, è pericolosa, è pursuit. telaio > 55 quadro pursuit composto da: mtb bambino + cx Liyang con saldature a elettrodo cagate dal culo di satana ss > mix di 4-5 serie sterzo recuperate nello scatolone (Giant+Cane Creek+altro) reggisella > mah sella > Selle Italia (era nel pacco del BSM, grazie @Alb) stem > ITM '90s 120mm riser > era su una passeggiona, largo 680mm manopole > Odyssey BMX guarnitura > Legnano corsa 170 sabbiata, perno quadro, corona 52t imbullonata con dadi M10 autobloccanti pedali > VP / Time Atac CX6 straps > Bagaboo catena > Miche Pista ruota ant > BMX ruota post > BMX con pignone fisso forato, avvitato sulla ruota libera, incollato e allacciato ai raggi con filo di ferro doppio KILLER.
  4. Cercando nel forum non ho trovato nulla a riguardo e spero di aver azzeccato la sezione Da quasi un annetto mi frulla per la mente l'idea di costruire un richot economico e funzionale, qualcuno ha idee a riguardo o ha già sperimentato? Liberate la fantasia :D
  5.  

     

    420 EURO, SPEDITO, SOLO TELAIO FORCA SS SHIMANODURA-ACE E MC

     

  6. HELLO BITCHESSSS state per assistere a un'altro favoloso episodio di "diy badassery by frosty" oggi ci occuperemo di sopperire alla gravissima carenza di questo bad boy: come vedete dalla foto molto bello, tiene due bici, si monta easy ma non siamo nel paese delle fatine buone del cazzo e quindi gli manca una cosa fondamentale: COME CAZZO CI LEGO LA BICI? VI SEMBRO UNO CHE PUO' PERMETTERSI UN BOX INESPUGNABILE O UNA GUARDIA ARMATA? LA RISPOSTA è SI, MA DOVREI RINUNCIARE A COSE CHE MI SERVONO TIPO IL RISCALDAMENTO E MANGIARE. Quindi testine di cazzo francesi copiate queste mie parole in google translate e prendete nota sui vostri ordinatori. OCCORRENTE: supporto da muro decathlon barra di metallo qualcosa e qualcuno per saldare strumenti per limare\sagomare DIFFICOLTA: Fuga da los angeles se siete pratici con la saldatrice, Fuga da new york se è uno dei vostri primi progetti SVOLGIMENTO: Io ho deciso di fare due fori sui tubi del supporto e infilarci la barra in modo da semplificarmi la vita mentre saldo, se non siete in grado di fare fori di quelle dimensioni o non avete la morsa (come si fa nel 2017 a non avere una morsa boh, cioè io non ho la lavastoviglie ne il ferro da stiro ma senza morsa non potrei farcela) potete sagomare con la limetta la barra in modo che fitti bene contro i due tubi. dopo aver tolto la vernice della zona interessata potete iniziare a saldare, come vedete dalla foto ho lasciato la gomma montata, tagliandone la cappella ma senza fare una circoncisione completa con l'intento di rincollarla dopo e cosi si presenta tutto saldato, se siete cresciuti nella giungla potete anche fermarvi a questo step, ma se avete un minimo di amor proprio ci sono altri dettagli da guardare per esempio verniciare la parte grezza e riposizionare i cappellotti al loro posto e rincollarli con del mastice o con quel cazzo che preferite non sono vostra madre. TA DAN qua montato, in questo modo è possibile lockare la bici al supporto e vi assicuro che trafficarci intorno a 2m di altezza non è per niente facile però ricordatevi di usare delle viti lunghe abbastanza quando lo fissate al muro E ANCHE OGGI AVETE IMPARATO QUALCOSA BASTARDI. LA CONOSCENZA HA IL CAZZO DURISSIMO
  7. Buongiorno a tutti, Quello che fai se ti serve un 14 ma hai un 15. Disegnato, realizzato e testato da me (sabato scorso in una crono squadre). Materiale: acciaio C70 Lavorazione: taglio laser + ripresa tornio parallelo (smusso denti) Trattamento termico: BONIFICA (tempra + rinvenimento)
  8. ciao, Sono uno studente fuorisede, non ho la macchina, mi ero rotto di spaccarmi la schiena per andare a fare la spesa, e ho già speso troppi soldi in bici. Quindi perché non fare una cargo cercando di spendere il meno possibile? Premetto che è un lavoro fatto un po' a metà, nel senso che non è paragonabile come rigidità e precisione( e sicurezza) a una cargo comprata, ma andando piano 80kg li porta tranquillamente e non ci ho speso praticamente niente. Partiamo da una lista componenti: -Telaio Mtb da 26'' : trovato in un fosso due anni fa; -Forcella e ruota da 20'' : regalati da un amico; -Tubi vari: gentilmente forniti dalla mondezza( una rete di un letto, un palo di uno stop, una specie di libreria); -Gruppo più o meno Shimano: un misto del meno peggio che avevo in garage; -Tutto il resto: rimediato/accattato/scambiato in giro; Costo totale: -18€ di bombolette -10€ di cavi e guaine nuovi Un po' di foto del WIP L'angolo dello sterzo è uscito bello incazzato ma non avevo voglia di rifarlo e dopo averla provata non mi sembra ci sia nessun problema; Usando la rete del letto posso usare i buchi dove si agganciavano le molle per legarci la roba; Ho provato a stuccare le saldature ma non ho neanche lontanamente la pazienza necessaria quindi non sono proprio bellissime, ma tanto in foto non si vede.
  9. Con cosa pulite e tirate a lucido la vernice delle vostre biciclette eroiche?
  10. Da un bel po' di tempo vedo sul forum gente capace di fare un triliardo di cose: saldare, cucire borse, costruire tacchette etc.. mi stavo chiedendo: Ma se si organizzassero dei workshop tenuti da voi smanettoni? Una cosa solo per chi vuole e per gli utenti del forum, informalissima ovviamente. Tanto per lo spazio basta una cantina, per il giorno si battezza una domenica o un weekend e le birrette le portano i partecipanti! Che ne dite? io so fare davvero poco rispetto a quello che vedo da molti di voi in questa sezione e mi piacerebbe davvero imparare qualcosa di nuovo e utile!
  11. Vi chiedo dei pareri sul dropout adaptor. se in caso qualcuno lo usasse, potrebbe dirmi se si trova bene e dove lo ha preso
  12. É possibile convertire un'odierna bici da corsa, che non presenta il carrellino posteriore, in scatto fisso?? Ne ho viste molte su internet ma solo in foto. Sapete aiutarmi? (prendete come esempio la foto allegata)
  13. Terzo progetto di Front rack, dopo quello in legno e quello con tondino pieno da 8mm ecco quello di ferro con tubi da 12mm, trovati al Leroy Merlin. Per ora ho fatto il progetto e tagliato i tubi, appena avrò saldato tutto con l'aiuto di un amico (dotato di saldatore) avrete le immagini definitive. Nulla in particolare da dire, parlano le immagini, se avete domande fatele:
  14. Eccomi, al secondo capitolo degli attrezzi DIY per rimuovere la serie sterzo da 1". Come l'altra volta elenco il necessario! • Tubo abbastanza sottile, 1-0.8mm o giù di lì (il mio era l'orizzontale della risaldata che è finita segata causa MC sfilettato) diametro 24 mm MASSIMO! • flessibile o sega a mano • carta vetrata • EXTRA: dischetto di rinforzo e saldatrice e morsa Come Procedere: Si prende il tubo e lo si accorcia sui 30cm. Si posiziona in morsa e si praticano 4 tagli lunghi 15cm a croce lungo il tubo Si rimuove la bava di taglio e si allargano leggermente i 4 pezzi all'esterno, quel che basta perché stiano leggermente larghi! FATTO! io ho saldato un ulteriore dischetto come rinforzo sulla parte alta ma non lo reputo vitale. Con 24 mm ha molto poco gioco sulla calotta superiore, ma quel che basta per fare espandere le 4 parti e toccare quella sotto.
  15. Fucking Challenge Allora, in questo forum ormai è tutto piatto come il salame nel panino congelato del Lidl. Facciamo un gioco. La sfida consiste in questo: Prendete un telaio figo, ufo, bomba atomica, cash peso, esempio un Mash o un Ferriveloci o un Seta; raggruppate tutti gli avanzi di garage che avete; selezionate la peggio roba; montate il tutto in maniera caotica e disordinata ma funzionante; dimostrate che la bici funziona e la pedalate. No street cred, no porn, no Celodurismo®. No acquisti ma solo avanzi di cantine. Il form è il seguente FOTO BICI LATO GUARNITURA, ANTERIORE, POSTERIORE, UNA FOTO DETTAGLIO QUALSIASI. PRESENTAZIONE DI TRE RIGHE CON INFO e LISTA COMPONENTI Vince chi ottiene più like In SETTIMANA posto esempio N.B.: se la discussione diventa carica di commenti inutili il gioco finisce. Se non ha successo il gioco finisce. Se non vi va di giocare state a casa. W la figa
  16. In un pomeriggio di relax avendo la saldatrice a portata di mano e una forcella in bella vista mi è venuta la brillante idea di farmi il suddetto attrezzo. Mi è sempre mancato e ho sempre sopperito in maniera Barbara con chiavi inglesi messe di taglio o alla porco giuda con morse e cacciaviti. Materiali usati: • Scatolato, da 40mm parete da 2mm circa (inox ma vabbè quello avevo) meglio un 30mm*30mm • piastra da 4mm da usare come rinforzo superiore per martellarci sopra sempre inox. • flessibile con disco (o sega a mano molto più laborioso) • saldatrice Ho tagliato il quadrello a misura per una lunghezza di circa 60mm, Praticato due tagli lunghi 35mm sui 2 fianchi per farlo passare sulla testa lasciando 2 cm sopra intatti (come rinforzo) Applicato una piastrina sopra e saldata. Inclinato leggermente le 2 estremità per farle combaciare con gli anelli. Si può anche fare piegando a c una lamiera da 3-4 mm sicuramente più veloce, ma perché facilitarsi il lavoro ? PS: dissertazione sulle saldature, le ho fatte controllare da un amico e cito " ne hai fatte una mediocre, una perfetta, e probabilmente le altre 2 ti faranno delle cricche" Insomma bene ma non benissimo NOTA: una successiva prova su forcella da corsa ha rivelato che son stato troppo abbondante in largezza, ho dovuto segare 1cm di lato per farlo passare dentro!
  17. Bella Non ho (ancora) una fissa ma leggo molto il vostro forum. Per "ringraziarvi" dei vostri post e delle vostre info, vi posto il supporto che ho fatto oggi Iniziamo dalla parte difficile: andare da IKEA Magari non andateci di domenica pomeriggio come ho fatto io Ecco la lista della spesa per l'ikea - Scaffale Kallax http://www.ikea.com/it/it/catalog/products/20301554/ Non serve per forza di questa misura, però dovrete cristare un po' per farci stare su la biga con altre misure - Supporto Betydlig http://www.ikea.com/it/it/catalog/products/60219897/ C'è bianco o nero - Supporti aggiuntivi per fissaggio a muro Kallax Questi li dovete prendere al reparto assistenza dopo le casse (sono gratis, basta fare una donazione ad una associazione benefica) Ora da veri machi andate dal ferramenta - 4 X Tasselli fisher SX 6 S - 3 X Viti a testa piatta M8X50 - 6 X Dadi M8 aperti Rondelle varie Assemblate la Kallax come da istruzioni IKEA, la sciando però per ultima la parte bassa: per una maggiore sicurezza io ho inserito nei fori delle viti e su tutta la parte di appoggio tra i vari pezzi della colla millechiodi. Prendete i supporti per i bastoni delle tende e alesate il foro fino a ca 9 mm (deve passarci la vite M8): mettete il pezzo i morsa altrimenti rischiate di farvi del male. Praticate 3 fori sulla pannello inferiore dello scaffale: la posizione va scelta in base all'utilizzo che ne volete fare. Dato che il mio telaio non è dritto e nemmeno della mia misura ho deciso di appenderlo definitivamente al muro; nel caso voi voleste mettere e togliere la bici dovrete metterli sul bordo esterno. Terminate di assemblare lo scaffale come da istruzioni aggiungendo però 2 ulteriori punti di fissaggio alla parete (tot. 4) Inserite ora viti e supporti come da disegno pseudo tecnico sotto Nel mio caso ho inserito l'orizzontale della bici all'interno del gancio Questo è il risultato finale Totale spesa ca 30€ compresa la birra alla fine dei lavori Ciao a tutti Manuel
  18. Saluti da qualche tempo, sto cercando di creare una ricetta per delle barrette fatte in casa, da utilizzare in bici durante le lunghe uscite e magari per gli spuntini della giornata. Lo faccio un po' per risparmiare e un po' per non dover prendere le solite barrette che contengano edulcoranti o altri prodotti industriali di sintesi. Il mio problema rimane la creazione vera e propria, in quanto dopo vari test ho ottenuto qualcosa che funziona parzialmente, ma che non è "aggregato" dato che non c'è cottura, ma solo una fase di riposo in freezer per qualche ora. Ho utilizzato fiocchi d'avena tritati a farina, mandorle tritate e le uvette, il tutto poi mischiato con poco latte di soia. Come spuntini vanno bene, ma devono rimanere in frigo, altrimenti perdono di consistenza se posti all'aria aperta (figuriamoci dentro al jersey durante un'uscita) La base è sempre formata da carboidrati per l'energia quali cereali ed un mix di frutta secca di vario genere,e poi dall'uvetta o altra frutta candita/disidratata per gli zuccheri complessi senza dover ricorrere allo zucchero vero e proprio, in modo da tenere bassa la glicemia (utile se si volessero assumere di primo mattino): -fiocchi d'avena-semi di zucca -semi di girasole -semi di lino -mandorle (o nocciole tostate) -uvetta sultanina Su internet si trovano diverse ricette dove non si fa altro che prendere del Muesli e poi mischiarlo con del miele caldo per farlo aggregare, e poi infine tagliarlo a rettangoli. La mia idea rimane quella di tritare gli ingredienti in modo da rendere più facile la digestione e di conseguenza l'assimilazione ci sono idee o qualcosa che avete già sperimentato e che funziona bene e vi soddisfa? anche se sembra un'idea stupida, sono sicuro che fare qualcosa di questo tipo sia più funzionale rispetto al mangiare delle barrette prese al decathlon che sono sicuramente buone al palato, ma che contengono spesso ingredienti poco funzionali alla propria attività
  19. Ciao ragazzi! Sono Andrea e sono iscritto da pochi minuti sul forum. Ad essere onesti non vi conoscevo prima, ma dopo due ricerche mi son deciso ed eccomi qui a chiedervi aiuto. Sto realizzando un progetto di conversione di un telaio frejus in acciaio (niente di che lo so, ma ripittato e gommato per un utilizzo giornaliero va più che bene) ed ora mi trovo a sostituire la forcella originale perchè ormai disallineata. Ho rimediato una forcella Cinelli da corsa, piantone da 1", e calza a pennello con il telaio, la sede e la serie sterzo originale, unico problema: la parte superiore della serie non arriva a serrare il cuscinetto perchè la filettatura è troppo corta. Paranoia nera, perchè ora mi ritrovo una forcella bella, che balla! (stranamente al contrario del detto...ma sarebbe stato decisamente meglio!) Io sono a Torino ora e purtroppo non ho la possibilità di spostarmi molto lontano dalla città, sapete consigliarmi un officina/utente/telaista/qualsiasi persona che potrebbe avere una filiera da 1" per poter completare l'opera? Ho cercato nei dintorni di casa in san salvario, nei posti che conosco e purtroppo non sono ancora riuscito a sistemare la cosa. Vi ringrazio in anticipo per le risposte ed eventuali critiche, ben accette! PS: Vi lascio con una foto del giretto fatto dopo aver appena sverniciato e ripulito il telaio, il progetto prevede riverniciatura del telaio (nero con customizzazione a sorpresa -vi aggiornerò- del nodo sterzo), sostituzione della forcella (verde lime metallizzato), ruote ad alto profilo 700-25c anteriore e posteriore (arancione)...insomma Frankenstein!
  20. In queste gelide giornate invernali mi sono interrogato se continuare a usare il vecchio centraruote e combatterci ogni volta o se fosse il caso di costruirne uno fatto come si deve. Materiale: faggio lamellare 60x30 e stecchetta un po' più fina, compensato fino per gli indici, tondino di acero tornito per i pomelli, quadrello di iroco come fermo centrale della barra filettata Barra filettata da 10 con bulloni 4 supporti ad L Rondelle di legno di vari spessori per centrare bene tutto Tubo in alluminio da 12 da usare come perno attorno cui ruotano i supporti in legno 3 sganci rapidi recuperati Viti da legno varie N.B. Nonostante per il materiale ci saranno una decina di euro (avessi comprato il legno saremmo saliti a una trentina), il lavoro di assemblaggio e costruzione delle parti in legno è stato parecchio, d'altronde è il primo per me di questo tipo e sono stati necessari parecchi aggiustamenti in corso d'opera Ho tratto spunto soprattuto dal parktool, la cui configurazione permette di centrare e campanare la ruota in unico passaggio. Praticamente avvitando o svitando i pomelli in basso, si allarga o diminuisce la larghezza dei supporti in alto adattandola alla battuta di qualsiasi mozzo con facilità. I supporti infatti possono ruotare attorno al perno in corrispondenza dello sgancio rapido, che serve a fissare il tutto una volta regolato. Dal momento che si allargano e restringono simultaneamente (facendo attenzione a fare lo stesso numero di giri con i due pomelli), il centro rimane invariato. Le due "chele" si allargano e restringono anch'esse simultaneamente avvitando o svitando un pomello collegato ad una vite. Tra l'altro, essendo parecchio larghe, permettono di centrare con il copertone montato Con questa configurazione, una volta portato al centro il meccanismo, rimarrà invariato per qualsiasi ruota di costruisca. Per fare la ruota tonda basta sfilare le chele e avvicinare l'asta in legno alla ruota e usare quella come riferimento. Al progetto avevo già pensato qualche mese fa ma, per mancanza di tempo e materiali non si era concretizzato. Il ritrovamento di un bel piano in faggio lamellare e le vacanze natalizie hanno fermato l' inattività, tra l'altro tra poco dovrò fare le ruote per la 29 e ne avevo decisamente bisogno. Devo dire che sono soddisfatto, essendo in legno mi preoccupava un po' la rigidità del tutto ma il surdimensionamento ha risolto il problema. Che ne pensate ?
  21. Ciao a tutti, ho pensato di condividere questo lavoro qui per ricevere qualche critica e anche per chi volesse avere un esempio per cimentarsi a fare il proprio. Si tratta di una grezzissima copia fatta in casa di un modello Freitag. Come sapete il marchio Freitag produce da decenni borse e zaini utilizzando materiali di riciclo come teloni usati, camere d'aria e cinture di sicurezza. Considerando la mia modesta esperienza nel produrre nel tempo libero accessori e borse in pelle per me e i miei cari, ho deciso di fare uno zaino che potessi utilizzare ogni giorno, meno capiente di quel gigantesco backpack Blahol che mi accompagna da quasi due anni (ottimo prodotto che vi consiglio assolutamente). Così a tempo perso mi sono messo a fare qualche disegno finchè non mi sono imbattuto in un annuncio su subito riguardante un telone. A quel punto ho cominciato a guardare i prodotti Freitag e il modello Victor in particolare per cercare di capire come erano fatti, e convinto di riuscirci sono andato a prendermi quel telone (lercissimo). Dopo averlo pulito ho ultimato i disegni in cad del modello, ho ritagliato i pezzi e mi sono procurato il resto dei materiali. Per prima cosa ho cucito lo schienale. Questa è l'unica parte non fatta da me perchè ho usato lo schienale di uno zaino ormai rotto, ma ho dovuto comunque adattarlo Poi ho fatto la parte frontale composta da due pezzi, chiusura a strappo e un pezzo di cintura di sicurezza che serve a tenere il lucchetto (ci entra preciso) Nella penultima fase ho cucito gli altri strappi, la chiusura superiore e i bordi con pezzi di camera d'aria..ne è bastata una tagliata a metà longitudinalmente, e infine ho unito le due parti: lo schienale, e tutto il resto. Ed ecco il risultato finale: considerazioni finali: -forse non è poi così tanto piccolo rispetto al blahol...ma va bene lo stesso -ci entrano un mare di cose: la dimensione a pieno carico è di circa 15x30x55 cm -aspetto un test sotto la pioggia per capire come tengono ste cuciture -il porta lucchetto è nella posizione giusta per posarlo anche senza togliersi lo zaino -la tasca anteriore è comoda da aprire e chiudere velocemente (per prendere il portafogli per esempio) rispetto all'originale Freitag: -manca qualche scomparto e qualche tasca, ma sarebbe stato troppo complicato per me, considerando che ho cucito tutto a mano -l'originale costa 260 euro..io ho speso in totale 23 euro, fra telone, velcro ecc. e mi resta abbastanza materiale per farne altri tre se non considero lo schienale tempo di lavoro: non le ho contate ma credo che in un giorno intero si finisce tutto. Grazie per l'attenzione..a voi i commenti! LINK DROPBOX per il file DWG https://dl.dropboxusercontent.com/u/102718176/FAKETAG.dwg
  22. Progetti Transeunti

    Apro questa gallery per i progetti ciclistici tentati, appena iniziati o in fase di completamento. O per semplici consigli.
  23. I nostri cugini d'oltrealpe hanno anche delle belle idee, questa per esempio é davvero interessante http://www.pignonfixe.com/showthread.php?tid=120405 2016-11-23 17.09.41.webp
  24. Sono una persona esigente e ho sempre voluto un singolo zaino versatile, bello esteticamente, che riesciusse a portare tutta la spesa, capace di poter portare ruote, skateboard, telai, bici intere, di tutto e di più. Poi vedendo online alcuni zaini mi sono imbattutto in chrome, Timbuk2, Mission Workshop, Thule ecc ecc ma io sono povero e non ho soldi. Su Kickstarter ho beccato Charger pack, per carica tablet, cellulari ecc ecc direttamente con lo zaino. Mi hanno regalato questo zaino, il Dakine Vault ho riflettuto un po' sul da farsi e ho iniziato a smontare, tagliare e cucire. Ecco qui il risultato: lo zaino è espandibile si possono portare oggetti esternamente esteticamente non è male (almeno dal mio punto di vista) ha molti scomparti su cui organizzo tutte le mie cose una tasca dedicata per la borraccia (ci sta anche quella da un litro) ha una tasca per il pc fino a 17'' ha una zip centrale per cui si può aprire completamente (molto comodo per quando si viaggia, da abbinare con dei packing cubes) e ultimo ma non meno importante ho messo su un sitema per caricare tutto ciò che mi serve: - ciabatta elettrica (che collego quando sono all'università o al bar o a casa): carica un power bank da 20000 mah, poi c'è uno sdopiattore usb per quando devo caricare più roba (action cam, cuffie,batterie portatili ecc ecc) - sistema Grid it per tenere tutto fermo L'ho già testato un weekend fuori a Loano Varie volte per fare la spesa (mi porto spesso una borsa pieghevole da 30l che lego esternamente) la uso tutti i giorni all'uni e regge benissimo Lascio a voi i commenti!
  25. Long story short, su un sito era presente la descrizione dei vecchi xc4 (che sono regolabili) li ho presi tutto contento e quando sono arrivati sono il modello nuovo non regolabile, merda, mi danno uno sconto sul sito e decido di tenerli. TEORIA: ma ora veniamo al dunque, la struttura di quelli regolabili e quelli non è identica, manca il foro e la vite con il meccanismo che permette di comprimere o meno la molla, a logica replicare tale meccanismo è una cazzata, in pratica, non avendo sottomano nemmeno un paio di quelli regolabili e non trovando molte immagini sul web, è complesso. Quindi dato che l'obiettivo finale è semplicemente comprimere la molla ho pensato di utilizzare un sistema più comodo, anzi due questo è il punto in questione: PRATICA -per prima cosa bisogna estrarre il perno che tiene la molla ferma, è molto semplice, si mette il pedale in morsa e si martella fuori aiutandosi con un bullone che faccia da punteruolo tipo. -cosi appare una volta rimosso perno molla e blocco della tacchetta METODO 1 questo è il primo metodo che mi è venuto in mente, super semplice, non intacca il pedale, però non permette una regolazione lampo. si tratta infatti di mettere semplicemente uno spessore sotto la molla. Nel mio caso ho usato un pezzo di rondella spesso 1mm incollato con l'attak, ho usato la colla principalmente per tenere fermo il pezzo nella fase di rimontaggio, una volta che la molla è in posizione la pressione della stessa basta a tenerlo fermo. cosi una volta rimontato METODO 2 (BETA) questo metodo permette di regolare la tensione con i pedali montati, però bisogna modificare gli stessi, premetto che l'ho finito stamattina prima di andare a lavoro, non l'ho ancora provato e deve subire qualche upgrade. per prima cosa forare esattamente dove si appoggia la molla perpendicolarmente alla stessa poi bisogna avvitarci una vite, io ho utilizzato quelle con il filetto a passo largo, usate di solito per la plastica o per le clip in metallo, in quanto autofilettanti. una volta rimontato come potete vedere la vite sporge di molto, infatti devo accorciarla e magari appiattire la sede in modo che non sia un potenziale ostacolo per la tacchetta. TIPS: quando è ora di rinfilare il perno basta compiere le operazioni al contrario, per allineare bene la molla al foro (cosa che risulterà piu difficile con il METODO 1) mi sono aiutato con le pinze in questo modo UPDATE: Sistemata un po' la situazione vite,ora direi che è perfetta, altri test in cortile e la differenza di durezza si sente tra il pedale modificato e quello normale