From Divano to Red Hook – Episodio 19

(foto A.Esposito)

(foto A.Esposito)

Eccoci arrivati all’ultima settimana e al penultimo episodio di questa serie. Ho tantissime cosa da raccontare, questo mese è stato davvero ricco di emozioni!

Andiamo con ordine, il 9 settembre si è corso il Criterium Gp Bike Summer Festival presso l’autodromo di Varano. Arriviamo in ritardo alla partenza ma non siamo gli unici infatti viene posticipato tutto l’evento per dare la possibilità ai molti rimasti bloccati in autostrada di raggiungere la pista. Faccio un paio di giri frettolosi di ricognizione e mi sembra che la pista sia bella veloce cosi decido di optare per un 48/13. Mai scelta fu più sbagliata… L’asfalto gommato e le numerose curve lente mi fanno capire dopo pochi giri di gara l’errore fatto.

(foto A.Lascialfari)

(foto A.Lascialfari)

Al giro di boa evade la fuga buona, due Cinelli e due Cykeln, intuisco la pericolosità e mi fiondo sui primi da solo, unica azione degna di nota e in cui sia stato utile il 48/13. Passo due giri in apnea a ruota ma la situazione non migliora, se ne vanno Ravaioli e Poccianti, rimaniamo in tre e a quel punto mi tocca tirare per provare a non fare rientrare gli altri e puntare al quinto posto, le gambe sono davvero di legno, do qualche piccolo contributo e all’ultimo giro ci riportiamo sulla coppia di testa. Bravini si mette al servizio di Ivan che però forse parte troppo lungo e viene rimontato da un Martino Poccianti molto in forma che si aggiudica la gara. Io chiudo quarto dietro a Marco Poccianti dopo aver superato un generoso Bravini.

(foto A.Lascialfari)

(foto A.Lascialfari)

Non c’è tempo per riposare perché la sera successiva si corre la gara di casa a Lissone, la seconda Crit Coppa Agostoni Cinelli. Mi sveglio con un mal di gambe atroce, sensazione simile solo a quella che si prova il giorno dopo al primo allenamento dell’anno in palestra. Riesco a rimediare in extremis un ottimo massaggio da Giorgia, la ragazza di Paolo Ponc Villa, che mi aiuta a sistemare un po’ la situazione.

(foto S.Galliani)

(foto S.Galliani)

Nel pre gara c’è sempre il tempo per prendersi in giro e partono sfide di polpacci tra Tansella e Cappa, chi avrà la meglio?

20160910_182921

Le qualifiche sono divise in due batterie, nella mia ci sono, tra gli altri, i due Cinelli che mi hanno fatto fare tanta fatica meno di 24 ore prima: Ravaioli e Bravini. Manco a dirlo mi piazzo alla loro ruota nel giro lanciato e, sfruttando il buco lasciato di proposito all’inizio e il sorpasso su Paolo alla fine faccio segnare il miglior tempo. Nella seconda batteria non mi supera nessuno e cosi parto in pole position!

(foto S.Galliani)

(foto S.Galliani)

In gara monto un 47/14, un po’ per il percorso molto tecnico, un po’ per le gambe dure dal giorno prima. Dopo il giro di ricognizione ci disponiamo sulla linea di partenza, è una bella sensazione partire davanti ma non ho nemmeno il tempo di agganciare il pedale dopo lo start dell’immancabile Vetrello, che la gara prende fuoco con continui scatti e controscatti!

(foto S.Galliani)

(foto S.Galliani)

Cerco di tenere il gruppo dei primi senza mai retrocedere dalle prime posizioni ma faccio davvero tanta fatica e in alcuni momenti sono vicino al distacco. L’ultimo giro è velocissimo e nel rettilineo prima della zona tecnica vengo superato da tanti altri ragazzi che frullano più di me. Alla fine mi sono dovuto accontentare del settimo posto ma mi fa piacere che abbia trionfato Ivan Ravaioli prendendosi la rivincita del giorno prima in una gara organizzata dal suo sponsor.

(foto D.Brioschi)

(foto D.Brioschi)

Come promesso nell’articolo precedente avrei parlato anche dei miei valori e della loro crescita rispetto a quando stavo sul divano. Giovedì 15 settembre mi sono auto testato presso il mio studio GB4 e i dati emersi rispecchiano le sensazioni positive di questo periodo.

Potenze

Potenze

Sono aumentati tutti i parametri e addirittura nei 30 secondi riesco a esprimere una potenza media assoluta più elevata rispetta a quando ero in attività!

Potenze/Peso

Potenze/Peso

Anche il rapporto peso potenza è aumentato molto grazie ai kg persi.

Composizione corporea

Composizione corporea

e a proposito di kg persi ecco il grafico della composizione corporea e per finire il grafico delle frequenze caridiache che mostra leggeri miglioramenti.

Frequenze cardiache

Frequenze cardiache

È di nuovo ora di correre a sabato 17 è la volta della gara organizzata dalla nostra Brianza Squadra Corse a Pogliano Milanese: La terza Crit dei Ponti. Uno dei percorsi più belli del panorama che ha contribuito a frazionare il gruppo dei migliori a non più di dieci unita. All’ultimo giro Alessandro Mariani entra in testa nel centro abitato e va a cogliere la vittoria, subito dietro arrivo io con le gambe che, per la prima volta da inizio anno, cominciano a girare come si deve.

(foto A.Esposito)

(foto C.Leustean)

Giovedi 22 c’è stata l’ultima tappa del circuito a scatto fisso magentino: una garetta hardcore abusiva in zona industriale come agli arbori della specialità. Ma prima, a cavallo tra la mattina e il pomeriggio, mi sono sparato 90 km a passo di foca con 7 turiste americane tra i 40 e i 60 anni che da Bellagio volevano proprio visitare Lugano. Non vi dico la mia gioia  :)

14462905_10153901219983457_268620034350284135_n

Arrivato a Magenta un po’ trafilato mi cambio e studio il percorso. Quadratone velocissimo da 47/13, troppo veloce per qualsiasi attacco e così arriviamo tutti insieme in volata dove riesco a spuntarla per poco davanti a Bravini e Mariani.

(foto A.Esposito)

(foto A.Esposito)

Sabato 24 ci troviamo tutti al Vigorelli per la prima Milano Fashion Fixed Night e ci viene data la possibilità, nelle ore precedenti alla gara, di girare liberamente nello storico velodromo appena restaurato. È l’occasione per fare lo scemo con il mio amico Tansella e mangiare al volo un bombolone romagnolo offerto da Don Bongio!

(foto P.Villa)

(foto P.Villa)

Siamo ragazzi di squadre diverse, veniamo da tutta Italia e ci corriamo contro ad ogni crit ma prima e dopo la gara c’è spazio solo per i sorrisi. Siamo proprio un bel gruppo.

(foto Don Bongio)

(foto Don Bongio)

Alle 18 è partita la gara vera, bel percorso, veloce ma con un ultima curva ad U. Dopo pochi giri rimangono davanti i soliti, io sento le gambe girare davvero bene e non ho problemi a prendere un po’ di aria in faccia. Si decide tutto all’ultimo giro, all’ultima curva dove entro velocissimo in terza posizione ma nella fase di uscita mi alzo troppo presto sui pedali e mi si chiude l’anteriore. Cado da solo, per un errore mio e coinvolgo nella caduta anche Fabrice Piemontesi con il quale mi scuso di nuovo. Peccato perché sarebbe stato un podio sicuro, peccato perché manca pochissimo alla Red Hook e soprattutto peccato perché, tra le altre cose, ho preso una distorsione all’anulare sinistro poco simpatica. Fortunatamente ho intuito appena caduto che si sarebbe gonfiato il dito e ho tolto la fede. Meno male.

20160925_181050

Non sarà un dito a fermarmi per cui do appuntamento a tutti sabato prossimo a Milano per l’atto conclusivo di questo percorso. From Divano to Red Hook è quasi giunto alla meta, l’episodio 20 sarà l’ultimo e nel bene o nel male leggerete sicuramente delle emozioni vere.

(foto F.Morello)

(foto F.Morello)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>